Gaianews

Clima

  • Estate 2014 molto calda e secca secondo le previsioni del CNR

    Estate 2014 molto calda e secca secondo le previsioni del CNR

    Un’estate 2014 molto calda e secca, causata dal clima anomalo di gennaio, secondo il CNR che ha studiato il fenomeno dell’acqua “densa”, alla base delle correnti calde marine che influenzano il clima. Si è appena conclusa nell’Adriatico settentrionale la campagna oceanografica internazionale ‘Carpet, Characterizing Adriatic Region Preconditioing EvenTs’, una missione che ha impegnato ricercatori dell’Istituto di scienze marine del […]

  • Meno ghiaccio sui laghi dell’Artico, inverni sempre più corti

    Meno ghiaccio sui laghi dell’Artico, inverni sempre più corti

    L’Università di Waterloo, Canada, ha scoperto che nel 2011, in un lago dell’Artico, l’acqua è congelata più tardi ed è scongelata prima del solito, rendendo la stagione di ghiaccio invernale più corta di 24 giorni rispetto al 1950. La ricerca, promossa dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e pubblicata su The Cryosphere, il Giornale scientifico della European […]

  • A rischio le zone costiere nel mondo a causa dei cambiamenti climatici<br> Sulle coste dell’Adriatico speculazione selvaggia

    A rischio le zone costiere nel mondo a causa dei cambiamenti climatici
    Sulle coste dell’Adriatico speculazione selvaggia

    Le zone costiere son a rischio a causa degli eventi estremi causati dai cambiamenti climatici. I costi dei danni causati da questi eventi potrebbero aumentare moltissimo a meno che non si adottino immediatamente misure di prevenzione. A dirlo una ricerca italiana sulle coste adriatiche che trova conferma in una ricerca internazionale. Secondo una ricerca condotta […]

  • Riscaldamento climatico, vegetazione a rischio entro la fine del secolo

    Riscaldamento climatico, vegetazione a rischio entro la fine del secolo

    Gli studiosi del clima hanno calcolato che entro la fine del secolo la diffusione delle specie vegetali sarà influenzata su quasi la metà della Terra dal riscaldamento globale in atto. Un team di ricerca internazionale, guidato da Song Feng, scienziato dell’atmosfera presso la University of Arkansas e docente di Geoscienze al J.William Fulbright College of […]

  • Città europee impreparate contro i cambiamenti climatici

    Città europee impreparate contro i cambiamenti climatici

    Secondo uno studio pubblicato su Climate Change Letters le città europee medie e grandi stanno affrontando con eccessiva lentezza l’emergenza dei cambiamenti climatici. Sui tre fronti, emissioni di CO2, adattamento e mitigazione, pur evidenziandosi degli esempi virtuosi, in Europa le città viaggiano con grande ritardo rispetto agli obiettivi previsti. La ricerca, condotta anche da ricercatori […]

  • Lo scioglimento dei ghiacciai provoca inondazioni dei pascoli in Tibet

    Lo scioglimento dei ghiacciai provoca inondazioni dei pascoli in Tibet

    I ghiacciai sono importanti indicatori di cambiamenti climatici. Il riscaldamento globale provoca la fusione dei ghiacciai montani che, anche tralasciando la diminuzione delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide, è considerata come una delle principali cause dell’attuale innalzamento di livello degli oceani. Anche i ghiacciai del Tibet stanno, ovviamente, riducendosi di dimensioni, secondo quanto rivelano […]

  • Svizzera, gli spostamenti di piante, farfalle e uccelli coi cambiamenti climatici

    Svizzera, gli spostamenti di piante, farfalle e uccelli coi cambiamenti climatici

    In Svizzera, piante, farfalle e uccelli si sono spostati dagli 8 ai 42 metri di altitudine, tra il 2003 e il 2010, secondo un articolo di alcuni scienziati dell’Università di Basilea, pubblicato su PloS ONE. Di recente, è stato dimostrato che negli ultimi vent’anni, in Europa, le comunità di uccelli e di farfalle si sono […]

  • Cambiamenti climatici: il Pinguino imperatore si adatta

    Cambiamenti climatici: il Pinguino imperatore si adatta

    I cambiamenti climatici minacciano i pinguini imperatore nell’Antartico, ma uno studio ha registrato un nuovo comportamento riproduttivo che potrebbe essere interpretato come un adattamento ai cambiamenti ambientali. La scoperta è avvenuta grazie alle innovazioni tecnologiche in campo satellitare che hanno consentito di seguire da vicino il comportamento di 4 colonie. Ora i ricercatori continueranno il […]

  • Anidride carbonica farà crescere di 4 gradi la temperatura entro il 2100

    Anidride carbonica farà crescere di 4 gradi la temperatura entro il 2100

    Le temperature medie globali aumenteranno di almeno 4 °C entro il 2100 e potenzialmente più di 8 °C nel 2200 se le emissioni di anidride carbonica non saranno ridotte, secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Nature. Gli scienziati che hanno condotto la recente ricerca hanno scoperto che il clima globale è più sensibile […]

  • Cambiamenti climatici e vita marina: previste perdite fino al 38%

    Cambiamenti climatici e vita marina: previste perdite fino al 38%

    Le zone più remote dei nostri mari non riusciranno a salvarsi dagli effetti dei cambiamenti climatici. A dirlo un nuovo studio basato su modelli climatici avanzati. Le creature che vivono nelle profondità marine più remote potrebbero anch’esse subire gli effetti del riscaldamento globale. Secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio, si tratta di una […]

  • Attività solare non è causa principale del cambiamento climatico

    Attività solare non è causa principale del cambiamento climatico

    L’attività solare non sarebbe fra le cause principali del cambiamento climatico. Lo sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Geoscience e condotta dagli scienziati dell’Università di Edimburgo.  I risultati riportati dalla ricerca guidata da Andrew Schurer, della School of Geosciences, rivoluzionerebbero una teoria diffusa secondo la quale i cambiamenti climatici, anche nel passato, sarebbero stati causati […]

  • Cambiamento climatico: a rischio idrico il 40% in più della popolazione mondiale

    Cambiamento climatico: a rischio idrico il 40% in più della popolazione mondiale

    La scarsità d’acqua è un problema già in molte aree del mondo. Ma la situazione potrebbe peggiorare secondo uno studio a causa dei cambiamenti climatici che potrebbero intaccare le attuale risorse idriche, tanto da mettere a rischio scarsità d’acqua  il 40% di persone in più. L’analisi, condotta dall’ Inter-Sectoral Impact Model Intercomparison Project (ISI-MIP), sarà pubblicata […]

  • I ghiacciai delle Alpi si sciolgono a ritmi sempre più veloci

    I ghiacciai delle Alpi si sciolgono a ritmi sempre più veloci

    A meno di 32 chilometri dal luogo in cui nel 1991, dopo 5000 anni, lo scioglimento del ghiaccio aveva restituito il corpo fossilizzato di Otzi o Uomo di Similaun, gli scienziati hanno scoperto elementi di prova nuovi e convincenti sul riscaldamento senza precedenti che stanno affrontando le Alpi italiane. Una piccola, ma significativa prova, viene […]

  • Scoperto nuovo gas serra 7000 volte più potente dell’anidride carbonica

    Scoperto nuovo gas serra 7000 volte più potente dell’anidride carbonica

    Gli scienziati dicono di aver scoperto un gas a effetto serra di origine antropica 7.100 volte più forte come l’anidride carbonica. Ma non è finita qui, l’altra cattiva notizia è che può rimanere nell’atmosfera per centinaia di anni

  • Scioglimento della calotta artica legato al clima estremo?

    Scioglimento della calotta artica legato al clima estremo?

    Mentre il ghiaccio al Polo Nord scompare ad un ritmo allarmante, alcuni ricercatori stanno provando a cercare un nesso tra tale fenomeno e le recenti condizioni meteorologiche estreme i varie aperti del mondo. Un nuovo studio suggerisce che il rapido riscaldamento nell’Artico può star alterando i modelli meteorologici in tutto l’emisfero settentrionale, ma gli scettici dicono che il fenomeno è tutt’altro che dimostrato

  • Nuvole persistenti causate dall’inquinamento atmosferico

    Nuvole persistenti causate dall’inquinamento atmosferico

    Un nuovo studio rivela come l’inquinamento provoca temporali che si lasciano dietro nuvole più grandi, più cupe e più persistenti. Apparsi nei Proceedings of the National Academy of Sciences del novembre scorso, i risultati della ricerca risolvono un dibattito di lunga data e rivelano il ruolo svolto dall’inquinamento nel riscaldamento climatico globale.  Lo studio può […]

  • Scienziati europei sugli eventi estremi: necessaria una migliore pianificazione

    Scienziati europei sugli eventi estremi: necessaria una migliore pianificazione

    L’ EASAC, il European Academies Science Advisory Council  mette in guardia l’Europa sugli eventi metereologici estremi che saranno in aumento nei prossimi anni. L’indagine condotta dagli esperti in Europa dimostrerebbe che negli ultimi 30 anni i costi dei danni da eventi estremi sono  aumentati del 60% per questo l’Europa ha bisogno di pianificare la mitigazione degli impatti […]

  • Registrata la ‘voce’ del ghiacciaio che si scioglie nell’oceano

    Registrata la ‘voce’ del ghiacciaio che si scioglie nell’oceano

    Gli scienziati hanno identificato e registrato uno dei suoni più interessanti che possano essere ascoltati su un pianeta che si sta riscaldando: lo sfrigolìo di un ghiacciaio che si scioglie in mare. Il rumore delle bolle d’aria intrappolate nel ghiaccio che scoppiettano a contatto con l’acqua salata potrebbe, infatti, fornire indizi sul tasso di fusione […]

  • Addio laghi subartici in Canada: senza acqua a causa delle scarse precipitazioni

    Addio laghi subartici in Canada: senza acqua a causa delle scarse precipitazioni

    Ma vista una cosa del genere in 200 anni, stando a quello che riporta un team di ricercatori di diverse università. Una riduzione dei laghi subartici a questa velocità non si vedeva da 200 anni. Il fenomeno è dovuto alle estati molto secche e inverni poco nevosi. Se questi fenomeno si ripeteranno, spiegano gli scienziati, […]

  • Groenlandia: 3000 anni fa, calotta di ghiaccio più sottile di oggi

    Groenlandia: 3000 anni fa, calotta di ghiaccio più sottile di oggi

    Indizi nella documentazione fossile artica suggeriscono che dai 3000 ai 5000 anni fa lo strato di ghiaccio in Groenlandia sia stato il più sottile degli ultimi 10mila anni. Lo affermano gli scienziati che hanno studiato la storia della copertura glaciale utilizzando una nuova tecnica, sviluppata mediante l’analisi dei fossili artici. “E’ stato veramente interessante verificare […]