Gaianews

Un nuovo strumento per i climatologi. Sistema satellitare darà informazioni sulla copertura nevosa

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 15.11.2010

NeveIl progetto dell’ESA GlobSnow, guidato dall’Istituto Metereologico Finlandese, utilizzerà i satelliti per la produzione di informazioni aggiornate sulla copertura nevosa globale. La nuova banca dati fornisce nuove informazioni sulla situazione della neve a destra dopo una nevicata. La raccolta di queste informazioni non è stata possibile prima, quando erano disponibili solo le osservazioni terrestri.

Grazie a questo nuovo progetto è possibile mappare l’estensione e il volume del manto nevoso soprattutto nell’emisfero settentrionale. Lanciato agli inizi di novembre, il servizio fornisce dati quasi in tempo reale sul manto nevoso e la profondità della neve. Lo scopo di questo servizio, accessibile attraverso il sito web GlobSnow gestito dall’Istituto Metereologico Finlandese, è quello di creare un database globale della neve contenente i dati raccolti dai satelliti.

Le nevicate ostacolano o impediscono la normale circolazione dei mezzi di trasporto, ma causano anche inondazioni in molti paesi. Le stagioni influenzano la copertura nevosa nella maggior parte nell’emisfero settentrionale. La copertura nevosa media in inverno si estende su una superficie di 20-40 milioni di chilometri quadrati, in altre parole, la neve contiene tanta acqua quanto un miliardo piscine olimpioniche. Al tempo stesso, la copertura nevosa è uno dei fattori più importanti che influiscono sul clima globale, la meteorologia e di sistemi acquiferi. Lunghe distanze tra le stazioni di osservazione, in particolare nelle regioni scarsamente popolate di Europa, Russia asiatica e Nord America, hanno reso difficile di catalogare la neve e il suo volume a livello globale.

Modelli climatici più accurati

I dati prodotti dai satelliti verranno utilizzati nella previsione delle alluvioni e nella ricerca sul clima. Nel prossimo anno, molti paesi metteranno alla prova l’utilizzo del nuovo materiale per realizzare modelli idrologici e previsioni di alluvioni. GlobSnow fornisce anche ai climatologi dati sull’estensione nevosa che c’è stata nel corso degli ultimi 30 anni. L’accesso ai dati via satellite consentirà ai ricercatori di monitorare e analizzare le tendenze climatiche. E’ stato scoperto, per esempio, che il manto nevoso si è ridotto a livello mondiale, e questo è chiaramente un indicatore del cambiamento climatico. La banca dati fornisce anche dati sempre più precisi per i modelli climatici, in modo da migliorare ulteriormente la qualità e l’accuratezza dei modelli e delle previsioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA