Gaianews

Popoli&Diritti

  • Siria, l’Onu non si accorda su una posizione comune

    Il bilancio dei morti degli ultimi giorni in Siria è drammatico. Il massacro delle forze di sicurezza siriane, elogiate dal presidente Bashar el Assad, è stato oggetto delle sedute straordinarie del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Il ringraziamento del presidente ai suoi militari è stato pronunciato in un discorso in occasione del 66esimo anniversario della sua […]

  • Siria, il bilancio di una giornata di repressione ad Hama

    Ieri il duro attacco dei soldati siriani appoggiati da carri armati hanno provocato almeno 80 morti, secondo gli attivisti per i diritti umani in Siria.  Gli scontri sono avvenuti nella città di Hama, e molti video comparsi su youtube subito dopo l’attacco mostrano chiaramente la violenza dei militari, che sparavano a vista sui dimostranti, uccidendo […]

  • Hama, secondo Reuters 4 carri armati hanno disertato

    Secondo quanto afferma l’egenzia Reuters e quanto testimoniano le immagini di un video delle 12,30 circa, un gruppo di soldati con 5 carri armati avrebbero disertato e si sarebbero uniti alle proteste. I carri armati sono stati mandati in forze questa mattina per attaccare la città ribelle, e potrebbero aver già compiuto un massacro. I […]

  • VIDEO/ Attaccati i manifestanti ad Hama, in Siria. Si temono oltre 100 morti

    Aggiornamento: 13.12. Si temono oltre cento morti. Aggiunto un video (Video 3) caricato pochi minuti fa che testimonia la tragedia che sta vivendo Hama in queste ore. Le proteste nella città di Hama hanno scatenato la reazione delle forze dell’ordine, che oggi secondo testimoni oculari avrebbero sparato sulla folla compiendo una strage. Si parla di […]

  • Missioni di ‘pace’, passa il rifinanziamento dei militari italiani all’estero

    Mercoledì il Senato ha approvato con 269 voti a favore, 12 contrari e un astenuto il decreto che rifinanzia fino alla fine dell’anno le missioni di pace all’estero ponendo dei limiti agli interventi militari in Libia e in Libano. Il decreto ora passa all’esame della Camera. Dopo alcuni rinvii, le votazioni erano previste per la […]

  • Somalia, continua l’emergenza umanitaria a causa della siccità

    Un funzionario del governo federale di transizione della Somalia (GFT) chiede “un intervento internazionale” per aiutare la sua amministrazione a combattere la siccità e la carestia, che ha costretto migliaia di somali a fuggire nei paesi vicini. La scorsa settimana il presidente della Somalia e le Nazioni Unite hanno dichiarato che la carestia ha colpito […]

  • Libia, armi in mano ai bambini nelle foto Reuters circolate nei giorni scorsi

    La guerra civile in Libia non si arresta e gli orrori aumentano. Scioccanti le foto realizzate dall’ agenzia Reuters e pubblicate qualche giorno fa sul sito del tabloid britannico Daily Mail, che ritraggono bambini con in mano armi di vario genere. In Italia la notizia è stata riportata dal quotidiano Libero. I bambini lavorano insieme […]

  • Somalia, la siccità mette in pericolo 10 milioni di persone, un quinto bambini

    L’ultimo rapporto del Fondo Onu per l’infanzia avverte che circa 500 mila bambini nel Corno d’Africa sono a rischio imminente di morte per malnutrizione. L’agenzia dice inoltre che altri 1,7 milioni di bambini sono a rischio. La crisi è partita dalla gravissima siccità che che sta avendo luogo in Somalia, Etiopia e Kenya, che ha […]

  • Nasce il Sud Sudan, domani votazione all’ONU

    Il 2011 continua ad essere un anno di grandiosi cambiamenti per il continente africano, che lo scorso 9 luglio ha visto la nascita del suo 54° stato, nonché del 193° stato del mondo. Il percorso per l’indipendenza era iniziato nel 2005 con gli accordi di pace firmati in Kenya, i Comprehensive Peace Agreement, che ponevano […]

  • Marocco verso la monarchia costituzionale

    Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha inviato il 5 luglio un messaggio di auguri al sovrano del Marocco, complimentandosi per il fortunato risultato del referendum costituzionale dello scorso 2 luglio, che prevedeva la fine della monarchia assoluta marocchina, l’aumento del potere del parlamento ed un governo e un sistema giudiziario sempre più indipendenti. Il […]

  • Si riaccendono gli scontri in Egitto, Piazza Tahir di nuovo occupata

    Il Cairo, mercoledì 29 giugno 2011 – Si riaccendono gli scontri a Piazza Tahrir, epicentro delle proteste che quattro mesi fa portarono alla caduta del presidente egiziano, Hosni Mubarak. Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza a protestare. I disordini sarebbero iniziati martedì sera davanti alla sede tv di Stato, dove le famiglie di alcune […]

  • Il Marocco in cammino verso la democrazia?

    Cosa si prospetta per il Marocco? Un reale processo di democratizzazione o solo cambiamenti di facciata simili a quelli che precedentemente e ripetutamente hanno segnato la storia del Paese? Ormai è noto ai più che il Marocco, a differenza dei vicini, è stato sede di manifestazioni di piazza e proteste che però non mai sono […]

  • L’Italia principale porta d’ingresso dell’Europa

    L’Italia conquista il primato europeo per numero di ingressi illegali. Ed è soprattutto il Mediterraneo che oggi gli aspiranti immigranti attraversano per raggiungere le coste Europee. A causa dei massicci e continui sbarchi, che dall’inizio dell’anno si registrano nella piccola isola siciliana di Lampedusa, l’Italia è diventata la principale porta d’ingresso dell’Europa, lo ha affermato […]

  • Libia sotto le bombe, Gheddafi non si arrende

    Il Colonnello Muammar Gheddafi torna a farsi sentire, mentre i suoi soldati tornano ad attacare Misurata e il Tribunale internazionale lo accusa direttamente di aver istigato violenze sessuali da parte della milizia di regime. Qualche giorno fa il Rais è tornato a farsi sentire con un audio-messaggio mandato in onda dalla tv di stato libica, […]

  • Afganistan, rivendicato dai talebani attentato contro italiani

    AFGHANISTAN – Rivendicato dai talebani l’attentato di lunedì mattina contro il Team per la Ricostruzione provinciale di Herat, nell’Afghanistan occidentale, gestito da soldati e da civili italiani. In un intervista rilasciata a Libero il ministro della Difesa, Ignazio La Russa spiega le dinamiche dell’attentato: “L’attacco è stato condotto con un’auto imbottita di esplosivo che si […]

  • Libia, ancora bombardamenti da parte della NATO

    Tripoli, la situazione non si placa, i bombardamenti proseguono ma il Colonnello e i “fedelissimi” non si arrendono. Un’altra sveglia a suon di bombe per gli abitanti di Tripoli, che da circa 3 mesi vivono in un Paese in guerra. Una guerra fratricida e che ha coinvolto da 2 mesi anche le forze alleate Francia, […]

  • Siria, l’orrore delle fosse comuni

    Siria, orrore per la scoperta di alcune fosse comuni a Deraa città simbolo della rivolta contro il regime di Bashar al Assad. Lunedì scorso, durante le poche ore di libertà vigilata concessa ai residenti, che da tre settimane sono bloccati e costretti a restare nelle proprie abitazioni, è avvenuto il ritrovamento di alcuni cadaveri ammucchiati […]

  • Proteste contro la morte di Osama Bin Laden in tutto il mondo islamico

    Negli ultimi giorni alle proteste in favore della democrazia in Siria, Tunisia, Algeria, si sono sovrapposte le manifestazioni islamiste contro gli USA in Pakistan, Indonesia, Egitto, Turchia e persino a Londra dopo l’azione che ha portato alla morte di Osama Bin Laden. Il 6 maggio 2011 al Qaeda ha diffuso un comunicato su siti jihadisti, […]

  • La morte di Osama Bin Laden, si temono ripercussioni

    Bin Laden è stato ucciso da un colpo di pistola alla testa dalle forze speciali americane. La notizia ha fatto il giro del mondo dopo essere stata comunicata in diretta tv dal Presidente americano Barack Obama. Dopo più di un decennio di latitanza, Bil Laden è stato sorpreso all’interno della villa-fortino in cui si nascondeva […]

  • Giallo sul rimorchiatore bloccato per un mese nel porto di Tripoli

    Ancora sconosciute le dinamiche del sequestro del rimorchiatore dell’Augusta Off Shore, la nave liberata pochi giorni fa dopo essere rimasta bloccata per quasi un mese nel porto di Tripoli in mano alle milizie di Gheddafi, anche se si fa strada l’ipotesi dello scudo contro i bombardamenti alleati. La prima notizia della liberazione è giunta poco […]