Gaianews

Popoli&Diritti

  • La Siria in piazza, tra riforme presunte e divieto di manifestare

    Dopo un ulteriore notte di scontri il governo siriano ha decretato l’entrata in vigore della legislazione necessaria per l’abrogazione dello stato di emergenza in vigore in Siria da 48 anni, che limita o vieta la libertà di riunione e circolazione e consente l’arresto di sospetti o di persone cheminacciano la sicurezza. Repressione sul terreno e […]

  • Anche il Marocco vuole riforme democratiche

    La monarchia marocchina e i marocchini vanno fieri della loro unicità e lo stanno dimostrando anche in questi mesi. Quando lo scorso dicembre sono iniziate le prime proteste in Tunisia, a causa del cosiddetto effetto dominio sono scoppiate violente rivolte in tutti gli Stati dell’area Nord Africana e MedioOrientale (MENA). Dall’Algeria all’Egitto, dalla Libia allo […]

  • Lampedusa, (solo) un passaggio obbligato per i migranti

    Le coste della piccola isola di Lampedusa sono un miraggio solo di passaggio. La maggior parte degli immigrati che raggiungono l’Italia hanno altre mete in testa, Francia, Svezia, Germania. Molti degli immigrati ospitati a Catania presso il Villaggio degli Aranci cercano di scappare per raggiungere altre mete Europee, nella speranza di ritrovare parenti ed amici […]

  • Libia, Siria, Yemen e Giordania. Il Medio Oriente vuole diritti e democrazia

    Mentre in Italia si levano voci discordanti sulla partecipazione del Paese alle operazioni militari inLibia, il cui comando è ormai in mano alla NATO, “nuove” rivolte sono scoppiate in Siria, Yemen e Giordania. Lunedì, durante una riunione dell’Assemblea Generale dell’ONU, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è intervenuto a difesa della la missione internazionale in […]

  • Libia, scontro sul comando della no-fly zone

    A tre giorni dall’approvazione della Risoluzione ONU 1973 emergono i primi contrasti fra gli alleati: la Francia e l’Italia si scontrano sul piano diplomatico. Una è impegnata sul fronte, la seconda non è ancora intervenuta direttamente (a detta del Presidente del Consiglio), ma a messo a disposizione sette basi militari e alcuni Tornado per “ricognizione”. […]

  • Libia, passa risoluzione dell’ONU per no-fly zone e per “le necessarie misure”, Francia per attacco immediato

    Il consiglio di sicurezza dell’ONU ha approvato una no-fly zone sulla Libia e “tutte le necessarie misure” a meno di un’invasione di truppe di terra “per proteggere i civili e le aree popolate da civili”. Il Regno Unito, la Francia e il Libano hanno proposto la risoluzione, con il supporto degli Stati Uniti. Durante l’incontro […]

  • Libia e il flop della diplomazia internazionale

    La guerra civile in Libia prosegue. Continuando con i bombardamenti delle città e le stragi, il leader libico Muammar Gheddafi ha ormai contro l’intera comunità internazionale, ma un intervento effettivo per la destituzione del Colonnello sembra essere, ancora, davvero un miraggio. Le forze di opposizione al regime, continuano a lottare per la libertà e cercano […]

  • Il riarmo cinese col consenso USA

    E’ stato riscontrato come nell’esperienza umana sia tipico percepire un incremento del senso di insicurezza quando le minacce e le paure per cui si è abituati vengono meno, la cosiddetta perdita della ‘sicurezza ontologica’ in un sistema dove proliferano nuovi attori e scenari non sempre rientranti nella tradizionale matrice statuale. Così la Cina sembra essersi […]

  • Sbarchi a Lampedusa, governo per la sua strada contro tutti

    Le ripercussioni più evidenti della crisi nord africana per la nostra Italia, sono sicuramente i numerosissimi sbarchi a Lampedusa.

  • La Costa D’avorio sull’orlo della guerra civile, strage di donne indifese

    Mentre il Nord Africa è infuocato dalle rivolte anti-regime (e sembrerebbe filodemocratiche), nello stesso continente Africano esplode la rivolta in Costa D’Avorio, tra manifestanti lealisti al governo di Laurent Gbagbo, e sostenitori di Alassane Quattara (suo rivale nelle elezioni del Novembre 2010, che secondo la comunità internazionale ha visto quest’ultimo). La manifestazione nella capitale Yamoussoukro […]

  • Libia/ Intervista ad uno degli ultimi italiani rientrati dall’aeroporto di Tripoli

    Il ritorno in Italia dei nostri connazionali presenti in Libia “procede molto bene, abbiamo con successo rimpatriato la maggior parte degli italiani, ne rimangono poche decine che sono segnalati e che rimpatrieremo nelle prossime ore”. Lo ha detto il portavoce della Farnesina, Maurizio Massari, in un’intervista a Rai News lo scorso 27 febbraio. A causa […]

  • FOCUS/ Armi & povertà. Italia ai primi posti nell’esportazione di armi

    Mentre in Libia le “BERETTA” dell’industria bellica italiana stanno contribuendo all’uccisione di migliaia di persone dal 17 febbraio di quest’anno, in Paesi come l’Eritrea, Congo, Nigeria, Botswana, Ruanda la stessa casa produttrice – consensualmente ai cartelli creati con altre imprese belliche dell’Occidente – sta contribuendo al massacro di migliaia di civili i.i. donne e bambini, […]

  • Ripercussioni in Libia, Bahrein e rapporti con l’Italia

    In Libia , Bahrain , Algeria come in Egitto spira un vento di cambiamento dovuto ad un movimento di giovani ragazzi ed intellettuali che chiedono e vogliono uno Stato di diritto. Con la speranza che il lume della democrazia che trova ardore in queste proteste non venga spento dal fondamentalismo islamico come accade per la […]

  • Nord Africa, il vento della rivoluzione non si placa

    In Nord Africa le proteste non si fermano, il vento della rivoluzione non si placa e le vittime aumentano. Arduo è stilare un conteggio complessivo dei morti e dei feriti, ma certo è che il numero è troppo elevato e continua ad aumentare ogni giorno di più. Le proteste sono iniziate in Tunisia lo scorso […]

  • Quarta ondata di democratizzazione in Nord Africa e Medio Oriente

    Da ormai quasi due mesi, i Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente (MENA), sono scossi dalle rivolte di piazza, iniziate lo scorso 17 dicembre in Tunisia, che vedono coinvolte tutte le fasce della popolazione. Questi popoli protestano contro i loro governi “dispotici”, contro il carovita, la disoccupazione e le ineguaglianze sociali. I governi […]

  • Africa, un continente con squilibri sociali ed economici destinati a durare

    In questi giorni, mentre nel Nord Africa vi è una forte spinta verso la democratizzazione nell’Africa Centrale e in Sud Africa permangono gli squilibri sociali e territoriali che hanno origini storiche nel colonialismo. Nel 2000 la Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite ha posto degli importanti obiettivi di sviluppo che hanno impegnato la comunità internazionale al […]

  • Multa storica a Chevron per inquinamento in Amazzonia, farà ricorso

    Un tribunale in Ecuador ha multato gigante petrolifero statunitense Chevron per  8,6 miliardi di dollari  (circa 6,3 miliardi di euro) per aver inquinato gran parte della regione amazzonica del Paese. La società petrolifera Texaco, che si è fusa con la Chevron nel 2001, è stata infatti accusata di aver riversato miliardi di litri di materiali […]