Gaianews

Popoli&Diritti

  • Sud Sudan: matrimoni precoci legati a alto tasso di mortalità materna

    Sud Sudan: matrimoni precoci legati a alto tasso di mortalità materna

    Il documento pubblicato il 7 marzo è basato su interviste condotte fra marzo e ottobre dello scorso anno. Le testimonianze dirette sono raccapriccianti: Akech voleva continuare gli studi, ma lo zio aveva deciso che era pronta per il matrimonio e firmò il contratto per lei. Provò a ribellarsi e a far valere le sue ragioni, ma fu ripetutamente e bruscamente picchiata dal cugino maschio, fino a quando non fu costretta a cedere e andò a vivere con il marito che le avevano imposto

  • Siria, quasi un milione le persone fuggite dalla guerra civile

    Siria, quasi un milione le persone fuggite dalla guerra civile

    Siria, la crisi prosegue, le vittime aumentano e sempre più persone decidono di scappare cercando rifugio nei paesi vicini. Intanto i rappresentanti della Colazione Nazionale Siriana chiedono alle potenze occidentali un supporto maggiore,soprattutto per quanto riguarda la fornitura di armi

  • Marocco: quando il matrimonio diventa una punizione

    Marocco: quando il matrimonio diventa una punizione

    Marocco, la società civile si mobilita per l’abolizione del matrimonio riparatore previsto dal articolo 475 del codice penale. Ieri l’uscita del film denuncia intitolato: “475 Quando il matrimonio diventa una punizione”. Lo scorso anno il suicidio della 16enne Amina Filali ha scosso le coscienze dei marocchini. La ragazza originaria di un piccolo villaggio era stata […]

  • Giappone, tre persone impiccate questa mattina

    Giappone, tre persone impiccate questa mattina

    Giappone – Sono state impiccate oggi 3 persone accusate di omicidio. Lo ha riferito il ministro dell giustizia giapponese Sadakazu Tanigaki

  • Tibet: più di 100 gli immolati dal 2009

    Tibet: più di 100 gli immolati dal 2009

    Dal 2009 più di cento tibetani hanno sacrificato la propria vita per protestare contro le politiche oppressive del governo cinese. In memoria di questi martiri, è stata organizzata una veglia al tempio di Dharamsala, in India, sede del governo tibetano in esilio. Cento candele sono state accese per ricordare il sacrificio di questi uomini, una […]

  • Embargo di armi in Siria: la Ue sceglie di mantenere lo status quo

    Embargo di armi in Siria: la Ue sceglie di mantenere lo status quo

    Il ministero degli Esteri dell’Unione Europea ha deciso, lunedì 18 febbraio, di prorogare per  altri tre mesi la sanzione d’Embargo, in vigore dal 2011, contro la Siria

  • Amnesty denuncia la polizia greca per maltrattamenti e falsificazione di foto

    Amnesty denuncia la polizia greca per maltrattamenti e falsificazione di foto

    Amnesty International ha denunciato la Polizia greca per aver ritoccato con photoshop le foto di alcuni ragazzi arrestati e malmenati dai poliziotti perchè coinvolti nella rapina di una banca

  • Russia: ricoverata componente della band delle Pussy Riot in carcere

    Russia: ricoverata componente della band delle Pussy Riot in carcere

    Nadezhda Tolokonnikova, membro ventitreenne del gruppo Punk Pussy Riot, è stata ricoverata in ospedale per accertamenti. La giovane femminista, condannata con la sua Band il 13 Ottobre scorso per odio religioso, accusava fortissimi mal di testa dovuti alle dure condizioni del carcere cui è sottoposta

  • Etiopia, 500.000 persone minacciate da una diga. L’appalto è italiano

    Etiopia, 500.000 persone minacciate da una diga. L’appalto è italiano

    “Una grave minaccia incombe sulla bassa Valle dell’Omo, in Etiopia, dove da secoli vivono diversi popoli indigeni che contano circa 500.000 persone.” Questo è quanto affermato da Survival, un’associazione italiana che si occupa di difendere i diritti dei popoli tribali. La loro sopravvivenza è minacciata dal più grande progetto idroelettrico mai concepito in terra etiope, […]

  • Russia, nuova Legge Anti-Gay: i pochi contestatori arrestati

    Russia, nuova Legge Anti-Gay: i pochi contestatori arrestati

    “Esiste una congiura omosessuale che mina la concezione normale di una nazione sana” disse Adolf Hitler. Ieri, con 388 sì, un no e un’astensione, è stata approvata i prima nota, in Russia quella che è già stata definita la “legge anti-gay”. Tale ddl prevede il divieto di qualsiasi propaganda a favore dell’omosessualità. I favorevoli a questo provvedimento sostengono che la legge sia stata pensata per proteggere i bambini contro una ormai dilagante propaganda mediatica pro gay

  • Siria: emergenza agricoltura a causa della guerra

    Siria: emergenza agricoltura a causa della guerra

    Ventidue mesi di conflitto rischiano di straziare il settore agricolo della Siria: la produzione di cereali, frutta e verdura sta crollando mentre si assiste ad una massiccia distruzione di infrastrutture essenziali, come quelle destinate all’irrigazione dei terreni. E’ il drammatico scenario che emerge dalla recente missione delle Nazioni Unite, durante la quale sono stati effettuati […]

  • Mali: il conflitto taciuto, le rivendicazioni dimenticate

    Mali: il conflitto taciuto, le rivendicazioni dimenticate

    Mali, il conflitto taciuto, le rivendicazioni dimenticate, i nomadi tuareg, la morte di Gheddafi, la schizofrenia internazionale e l’uranio. Un mix micidiale che merita chiarezza

  • Mali: conquistate Niono e Sevarè

    Mali: conquistate Niono e Sevarè

    “La  situazione in Mali si inscrive in un contesto ampio, di crisi sistematica e prolungata di tutta la regione del Sahel”. Così recita il titolo dell’intervento del segretario Onu Ban Ki-moon, esposto in occasione del Consiglio di Sicurezza del 10 Dicembre 2013, dedicato “alla pace e alla sicurezza nell’Africa dell’Ovest”

  • Siria, on line il discorso di Bashar al Assad

    Siria, on line il discorso di Bashar al Assad

    Siria, online il discorso pubblico tenuto dal presidente Bashar Al Assad il 6 gennaio a Damasco. Di fronte ad una folla di sostenitori, il presidente siriano ha illustrato il progetto per una soluzione politica della crisi, elencandone dettagliatamente i punti focali

  • Il Governo cinese approva nuove regole per la censura on line

    Il Governo cinese approva nuove regole per la censura on line

    Il Parlamento Cinese ha approvato nuove regole che renderanno più rigoroso il controllo di Internet richiedendo agli utenti di registrare i loro veri nomi, e alle aziende operanti sul web di censurare il materiale on-line

  • Pakistan: 7 operatori sanitari uccisi in una Ong, tra cui 6 donne

    Pakistan: 7 operatori sanitari uccisi in una Ong, tra cui 6 donne

    In Pakistan l’anno nuovo inizia violentemente con l’uccisione di sette operatori sanitari, sei donne e un uomo, che lavoravano presso una scuola di una ONG locale che offre corsi di educazione alla salute

  • India, non si fermano violenze contro donne, mentre politici promettono leggi

    India, non si fermano violenze contro donne, mentre politici promettono leggi

    Le ceneri di una studentessa indiana morta dopo essere stata violentata da una banda sono state sparse nel fiume Gange martedì 1° gennaio 2013, mentre continuano a giungere notizie di nuove violenze contro le donne, che stanno alimentando un crescente dibattito nazionale sulle lacunose leggi indiane per proteggere le donne

  • Siria, nuovi massacri di bambini mentre l’Onu tenta l’accordo con Assad

    Siria, nuovi massacri di bambini mentre l’Onu tenta l’accordo con Assad

    Per la diplomazia sono ore febbrili per fermare il massacro di civili in Siria, che secondo stime degli insorti avrebbe raggiunto 45 mila morti. L’inviato di pace delle Nazioni Unite Lakhdar Brahimi ha esortato giovedì la nascita di un governo di transizione in Siria, che dovrebbe portare il paese alle elezioni

  • Siria, uccise 20 persone, 8 erano bambini

    Siria, uccise 20 persone, 8 erano bambini

    Continua in Siria la scia di violenza contro civili inermi. Ma il regime accusa il colpo delle dimissioni del generale Abdul Aziz Jassem al-Shalla

  • Siria, ex fedelissimo di Assad collabora con americani

    Siria, ex fedelissimo di Assad collabora con americani

    Jihad Makdissi, ex portavoce del governo siriano, starebbe cooperando con funzionari dell’intelligence degli Stati Uniti che l’hanno aiutato a fuggire a Washington circa un mese fa, secondo la ricostruzione del The Guardian