Gaianews

Metà donne metà pesce

Scritto da Maria Rosa Pantè il 29.04.2013

sarà un problema? Un complesso? Una condizione difficile? Sarà per quello che le Sirene, loro sono le mezze donne e mezze pesci, cantano senza posa?

Cantano, cantano, cantano, non smettono mai.

John William Waterhouse, Ulisse e le Sirene, 1891

John William Waterhouse, Ulisse e le Sirene, 1891

O forse fanno qualche pausa, quando il mare è vuoto, non ci sono marinai in arrivo e finalmente anche le fanciulle-pesce si acquietano: curano le code squamate, si pettinano i capelli da miss universo, chiacchierano fra loro come in tutte le comunità esclusivamente femminili. Un chiacchiericcio di confidenze, di confessioni, anche di pettegolezzi: benché spesso ci sia poco da dire a meno che…

A meno che in vista ci sia una nave e quanto è più grande tanto meglio, DOPO ci sarà un bel po’ da confessare.

Eccole pronte le bellissime, iniziano a cantare.

E la nave fa naufragio e i marinai periscono e le loro ossa biancheggiano tutto intorno all’isola.

Per questo l’isola luccica da lontano. Sono le ossa. Sono le ossa!

Ma, vien da chiedersi, che mai diranno le Sirene di tanto irresistibile? Cosa mai prometteranno? O anche: possibile che i marinai non siano prudenti? Che, sapendo delle loro insidie, ci finiscano dentro come pesci nella rete? (E scusate il paragone).

Le sirene possono dire tante cose, il mio pensiero va però soprattutto a chi ci casca, sempre, ed è evidente che mi riferisco anche all’attuale situazione italiana. La sirena Berlusconi, per dire.

Ma aldilà di tutto torniamo nel mito.

Chiedere a molte persone cosa dicano le sirene e leggere le risposte è anche un interessante spaccato sociologico, ma soprattutto fa sognare.

Per sognare un po’ tutti leggete le riposte sul canto delle sirene che sono pubblicate qui:

http://www.campustralenuvole.it/joomla/component/content/article/50-campustralenuvole/didattica/letteratura-greca/53-cosa-cantano-le-sirene 

Tag:
© RIPRODUZIONE RISERVATA