Gaianews

Ricerca medica

  • Nuove strategie contro influenza e polmonite

    Nuove strategie contro influenza e polmonite

    Alcuni scienziati della Nanyang Technological University (NTU) di Singapore hanno sviluppato un anticorpo che potrebbe aumentare la possibilità di sopravvivenza per i pazienti affetti da influenza e polmonite. Dimostratosi efficace sulle cavie, l’anticorpo dovrà ora essere reso idoneo all’uso per l’uomo. Gli studiosi stanno anche cercando di mettere a punto un kit diagnostico per aiutare […]

  • Antibiotici per curare i tumori?

    Antibiotici per curare i tumori?

    Un modo per sradicare le cellule staminali del cancro potrebbe essere l’uso degli antibiotici di uso comune, secondo una recente scoperta di un ricercatore dell’Università di Manchester, a seguito di una conversazione con la sua giovane figlia. E’ stata proprio lei infatti a ispirare il padre e osservare gli effetti degli antibiotici sui mitocondri delle […]

  • Scoperta molecola selettiva contro mieloma multiplo

    Scoperta molecola selettiva contro mieloma multiplo

    I ricercatori dell’Istituto di biostrutture e bioimmagini del Cnr di Napoli, in collaborazione con l’Imperial College di Londra, hanno sviluppato una molecola sintetica, denominata ‘Dtp3’, che agisce sulle cellule tumorali e non è tossica per quelle sane, al contrario di quanto accade con le terapie attuali. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Cancer Cell. […]

  • Attività fisica migliora funzioni cognitive negli anziani

    Attività fisica migliora funzioni cognitive negli anziani

    Tutti sanno che l’esercizio fisico fa stare meglio, anche sotto il profilo psicologico, a qualsiasi età lo si pratichi. “Mens sana in corpore sano”, scriveva Giovenale molti secoli fa. Tuttavia, chi si autogestisce una qualsiasi attività fisica non può fare a meno di chiedersi: “Farò bene a fare questo esercizio? Non sarebbe meglio che seguissi […]

  • Anormalità nel cervello dei pazienti affetti da stanchezza cronica

    Anormalità nel cervello dei pazienti affetti da stanchezza cronica

    Mediante uno studio condotto per mezzo della risonanza magnetica per immagini, i ricercatori della Stanford University School of Medicine, in California, hanno scoperto l’esistenza di evidenti differenze tra il cervello di pazienti affetti da stanchezza cronica o CFS (acronimo di Chronic Fatigue Syndrome) e il cervello di persone sane. “La CFS è una delle più […]

  • Lo stress causa patologie cardiache differenti tra uomini e donne

    Lo stress causa patologie cardiache differenti tra uomini e donne

    Lo stress è da sempre collegato  a una serie di effetti nocivi per la salute  e tra i più preoccupanti c’è il suo legame con il  rischio di malattie cardiache. Secondo una recente ricerca,  il sesso di una persona può svolgere un ruolo importante nel modo in cui colpisce cuore. Dunque, una condizione di stress […]

  • Brevettate nanoparticelle che eliminano le placche amiloidi dell’Alzheimer

    Brevettate nanoparticelle che eliminano le placche amiloidi dell’Alzheimer

    Sono state create da ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con l’IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ di Milano, le nanoparticelle che, testate nel modello animale, hanno rimosso dal cervello le placche amiloidi dell’Alzheimer. L’importante studio, pubblicato su The Journal of Neuroscience, apre nuove strade nella ricerca contro la più comune forma di demenza. Le particelle che […]

  • Colesterolo: una mappa rivela la posizione dei singoli atomi

    Colesterolo: una mappa rivela la posizione dei singoli atomi

    Un recente studio, condotto dai ricercatori della Rockefeller University insieme ad un ricercatore italiano dell’Università di Perugia, è riuscito a mappare per la prima volta  la sua struttura atomica del colesterolo, individuando la posizione di ogni atomo. Il colesterolo, entro certi livelli, è una componente essenziale delle cellule umane, serve infatti  per irrigidire la membrana […]

  • Nuovo studio rileva i primi segni di patologie cardiache nei bambini obesi

    Nuovo studio rileva i primi segni di patologie cardiache nei bambini obesi

    Un nuovo studio, condotto dai ricercatori della University of Leipzig Heart Center, attraverso l’uso dell’ecocardiografia bidimensionale ha esaminato da vicino il cuore dei 100 bambini e ragazzi trovando segni di problemi cardiaci futuri nei bambini obesi. La ricerca è stata pubblicata sul Journal of American College of Cardiology. Oggi l’obesità tra i più giovani è […]

  • Dormire con la protesi dentaria raddoppia il rischio di polmonite negli anziani

    Dormire con la protesi dentaria raddoppia il rischio di polmonite negli anziani

    Una scarsa igiene orale non porta solo carie e alitosi, ma anche infezioni serie delle vie respiratorie, soprattutto negli anziani. E’ stato osservato infatti che lo sviluppo della polmonite è preceduto da cambiamenti nei batteri della bocca. Un team di ricercatori  giapponesi ha studiato in modo prospettico le associazioni tra l’igiene orale e l’incidenza della […]

  • Cancro, immunoterapia e radioterapia insieme per risultati più efficaci

    Cancro, immunoterapia e radioterapia insieme per risultati più efficaci

    Uno studio pubblicato ieri sulla rivista Cancer Research ha dimostrato che se la radioterapia viene associata all’immunoterapia, i trattamenti contro il cancro potrebbero divenire molto più efficaci.  A sostenere questa tesi è stato un gruppo di ricercatori dell’Università di Manchester che ha lavorato con il contributo della MedImmune,braccio globale di ricerca e sviluppo di Biologics, […]

  • Aromaterapia: lavanda e menta riducono lo stress

    Aromaterapia: lavanda e menta riducono lo stress

    Una nuova ricerca condotta presso il Korea Institute of Oriental Medicine a Daejeon, e pubblicata sulla rivista Maturitas, sostiene che inalare i profumi degli oli di lavanda o di menta piperita può aiutare a ridurre lo stress. I ricercatori, per sviluppare l’indagine, hanno preso in esame alcuni studi precedente basati sui benefici dell’aromaterapia. “L’aromaterapia sembra […]

  • Alzheimer: studio sulla sindrome di Down può aiutare a capire la malattia

    Alzheimer: studio sulla sindrome di Down può aiutare a capire la malattia

    Un nuovo studio, condotto da un team di ricercatori dell’University of Wisconsin-Madison’s Waisman Center, ha rilevato come non sia chiaro, a differenza di quanto pensato finora, il legame tra una proteina – la proteina beta amiloide – tipicamente associata con la malattia di Alzheimer e il suo impatto sulle facoltà cognitive. Fare chiarezza su questo […]

  • Obesità: sette adulti su dieci sottovalutano il loro peso

    Obesità: sette adulti su dieci sottovalutano il loro peso

    I ricercatori della Columbia University Medical Center, negli Stati Uniti, hanno scoperto che sette adulti obesi su dieci sottovalutano il loro peso, mentre le persone di peso normale fanno questo errore molto meno. Le madri di bambini in sovrappeso o obesi tendono spesso a fraintendere le dimensioni dei loro figli, e i loro figli a […]

  • Una alterazione della dopamina alla base dell’obesità

    Una alterazione della dopamina alla base dell’obesità

    Stando ai dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della Sanità, attualmente il problema dell’obesità affliggerebbe più di 500 milioni di persone, esponendole a seri rischi di patologie estremamente invalidanti, quali ictus e diabete. La scienza sta indagando in molte direzioni e schiera sul campo un vasto stuolo di nutrizionisti, psicologi, biochimici e altri specialisti di varie discipline […]

  • Vitamina E: aiuta sviluppo del cervello e riduce rischio di demenza senile

    Vitamina E: aiuta sviluppo del cervello e riduce rischio di demenza senile

    Una nuova ricerca ha dimostrato che la vitamina E è un micronutriente essenziale per i giovani, gli anziani e le donne in gravidanza poichè ha un impatto positivo sul sistema nervoso, sullo sviluppo del cervello e sulla resistenza generale alle infezioni. Lo studio è stato condotto da Maret Traber insieme ad un  team di ricercatori […]

  • Un test potrebbe convalidare la sindrome da stanchezza cronica

    Un test potrebbe convalidare la sindrome da stanchezza cronica

    Alla domanda “Sei stanco?”, la risposta che viene data è sempre e comunque ‘soggettiva’. La  risposta “Sono molto stanco”non dà una misura quantitativa e quindi ‘oggettiva’, sufficiente a definire la percezione della sensazione di stanchezza. Per chi soffre di affaticamento cronico (ME/CFS), sarebbe quindi estremamente utile una quantificazione, una ‘misurazione della fatica’ che, essendo ‘oggettiva’, […]

  • Guardare film d’azione aumenta il rischio di sovrappeso e obesità

    Guardare film d’azione aumenta il rischio di sovrappeso e obesità

    Secondo un recente studio della Cornell University gli amanti dei film d’azione sono a rischio sovrappeso e obesità, complici gli spuntini che possono portare a consumare cibo in eccesso. Guardare questo tipo di film infatti ci distrae dalle nostre, di azioni. L’indagine è stata pubblicata sul Journal of the American Medical Association: Internal Medicine. I […]

  • Malaria: nuovo metodo di diagnosi tramite campi magnetici

    Malaria: nuovo metodo di diagnosi tramite campi magnetici

    Un team di ricerca del Singapore-MIT Alliance for Research and Technology (SMART) ha messo a punto una una possibile alternativa per diagnosticare la malaria. I ricercatori hanno ideato un metodo per utilizzare la tecnica  di rilassometria a risonanza magnetica (MRR), parente stretta della risonanza magnetica (MRI), per rilevare il parassita nel sangue dei pazienti infetti. […]

  • L’esposizione prenatale all’alcol causa obesità durante l’adolescenza

    L’esposizione prenatale all’alcol causa obesità durante l’adolescenza

    I deficit di crescita sono una caratteristica distintiva del Disturbo dello spettro fetale alcolico (FASD). Ora però un nuovo studio rileva che i tassi di obesità sono molto elevati negli adolescenti con Sindrome alcolica fetale parziale (PFA), e aggiunge che le ragazze sono maggiormente a  rischio di sovrappeso,  rispetto ai maschi, durante l’adolescenza. I risultati […]