Gaianews

Premio Nobel per la Chimica 2012 agli americani Lefkowitz e Kobilka

Il premio per la ricerca sui recettori accoppiati delle G-proteine, una parte della cellula che influisce su come i farmaci vengono assorbiti dal corpo

Scritto da Paolo Ferrante il 11.10.2012

Gli americani Robert Lefkowitz e Brian Kobilka hanno vinto il Premio Nobel 2012 per la Chimica. L’Accademia reale svedese delle Scienze di Stoccolma ha annunciato i vincitori del prestigioso premio mercoledì 10 ottobre.

Lefkowitz e Kobilka hanno vinto per la loro ricerca sui recettori accoppiati delle G-proteine, una parte della cellula che influisce su come i farmaci vengono assorbiti dal corpo.

Robert Lefkowitz è nato a New York nel 1943 ed ha concluso il suo dottorato presso la Columbia University nel 1966. Lavora presso l’Howard Hughes Medical Institute e il Duke University Medical Center. Ha usato la radioattività per tracciare i recettori delle cellule, scoprendo quello dell’adrenalina.

Kobilka e Lefkowitz premi Nobel per la chimicaBrian Kobilka è nato nel Minnesota nel 1955 e ha preso la sua specializzazione presso la Yale University School of Medicine nel 1981. Professore di Medicina e Fisiologia Molecolare e Cellulare presso la Stanford University School of Medicine, ha isolato il gene che codifica per il recettore dell’adrenalina.

Lefkowitz, oggi professore alla Duke University in North Carolina, si è detto “scioccato e sorpreso” dopo aver appreso la notizia, aggiungendo che stava dormendo quando è arrivata la chiamata.

Kobilka è oggi professore presso la Stanford University in California.

L’accademia reale svedese, spiegando le motivazioni del Nobel, ha detto che è stata per lungo tempo un mistero l’interazione tra le cellule e il loro ambiente e il modo di adattarsi alle nuove situazioni, ad esempio quando reagiscono con l’adrenalina, aumentando la pressione sanguigna e rendendo il battito cardiaco più veloce.

Gli scienziati hanno sospettato da tempo che le superfici delle cellule avessero qualche tipo di recettore per gli ormoni. Utilizzando la radioattività, Lefkowitz è riuscito a scoprire questi recettori – tra cui il recettore per l’adrenalina -, e ha iniziato a svelarne il funzionamento. Kobilka e il suo team si rese conto che vi è una intera famiglia di recettori che si assomigliano, ora chiamati recettori accoppiati delle G-proteine.

Nel 2011, Kobilka ha fatto un altro passo avanti in questo campo, quando la sua squadra ha catturato un’immagine del recettore per l’adrenalina nel momento in cui viene attivato da un ormone e invia un segnale alla cellula. L’accademia ha chiamato l’immagine “un capolavoro molecolare.”

L’annuncio dei Premi Nobel sono iniziati lo scorso lunedì con il premio per la medicina, destinato a due ricercatori che hanno lavorato sulle cellule staminali, John Gurdon e Shinya Yamanaka. Il francese Serge Haroche e l’americano David Wineland hanno vinto il premio per la fisica martedì per i lavori sulle particelle quantistiche.

Il premio Nobel per la letteratura sarà annunciato il oggi, e il prestigioso Premio per la pace domani venerdì.

Il Nobel per l’Economia sarà annunciato il 15 ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA