Gaianews

Shuttle Discovery pronto al lancio. Tra l’equipaggio un ospite inconsueto, un robot umanoide

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 23.10.2010

Shuttle DiscoveryIl conto alla rovescia è iniziato. La NASA è pronta a effettuare il penultimo lancio prima del pensionamento definitivo delle navette Shuttle. L’agenzia spaziale degli Stati Uniti sta mandando in pensione la flotta degli Shuttle e il prossimo anno verrà mandata in orbita l’ultima navetta, mentre vengono incoraggiate le iniziative commerciali per mandare l’uomo nello spazio in quanto, secondo la NASA, la tecnologia necessaria è ormai alla portata dei privati.

Lo Space Shuttle Discovery, dopo le ultime riparazioni ad un giunto che perdeva carburante e che aveva provocato un po’ di suspance per il possibile rinvio del lancio, è pronto sulla rampa del Kennedy Space Center, in Florida.

La scorsa settimana, gli ingegneri hanno scoperto che il Discovery aveva sviluppato una perdita di carburante che è stata prontamente riparata. John Shannon, il manager del programma del NASA Johnson Space Flight Center di Houston, Texas, ha detto che gli ingegneri hanno la situazione sotto controllo.

“Abbiamo avuto una perdita molto piccola degli impianti idraulici in un condotto, e il team ha lavorato duramente nell’ultima settimana,”  ha detto Shannon ai giornalisti giovedì. “Abbiamo fatto gli ultimi test su quel pezzo e sembra che la perdita si sia fermata”.

Il Discovery permetterà agli astronauti di effettuare una missione di 11 giorni. Sarà la missione numero 35 di uno  Shuttle verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Dan Hartman, il responsabile delle operazioni della missione e per l’integrazione con la stazione spaziale, ha detto che il Discovery consegnerà il pezzo finale del settore americano della Stazione Spaziale Internazionale – il modulo permanente multiuso Leonardo, che fornirà nuovi strumenti di ricerca e spazio di archiviazione per le registrazioni dei dati degli esperimenti.

La NASA ha detto che il Discovery ha volato nello spazio più di qualsiasi altra navetta, con 38 missioni e 352 giorni in orbita. Il Discovery ha inoltre percorso più di 230 milioni di chilometri, come se avesse fatto 5.628 volte il giro della Terra, da quando è stata lanciata nel 1984.

Robonaut2 - Fonte NASA

Robonaut2 - Fonte NASA

Lo shuttle Discovery, all’ultimo volo, è stato parte di innumerevoli pietre miliari nella storia delle missioni spaziali. E’ stato il primo veicolo spaziale a essere mandato in orbita da un capitano donna, ha mandato in orbita la persona più anziana, ha permesso al primo afro-americano di effettuare una passeggiata nello spazio e al primo cosmonauta russo a volare su una navicella spaziale degli Stati Uniti, oltre che al primo membro del Congresso degli Stati Uniti.

Il Discovery porrà fine alla sua carriera mettendo a segno un altro record che passerà alla storia: metterà in orbita un particolarissimo “passeggero” – Robonaut2, il primo robot umanoide a volare nello spazio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA