Gaianews

La Terra e Marte mai così tanto vicini tra loro

Scritto da Silvia Buda il 07.06.2016

Lo scorso 31 maggio 2016, precisamente alle ore 23:35 (ora italiana) il nostro pianeta Terra e Marte in opposizione si sono trovati davvero vicinissimi l’uno all’altra. Il Pianeta Rosso, infatti, dopo ben 11 anni, si è trovato ad una distanza minima dalla Terra, soltanto 75 milioni di km. Marte è così apparso agli occhi di studiosi e appassionati più grande e luminoso del solito.

Marte, l’ultimo pianeta di tipo terrestre dopo Mercurio, Venere e la Terra, è il quarto pianeta del sistema solare in ordine di distanza dal Sole, viene chiamato il Pianeta Rosso a causa del suo colore caratteristico dovuto alla grande quantità di ossido di ferro che lo ricopre. Nonostante la temperatura rarefatta e le temperature medie piuttosto basse, Marte è il pianeta più simile alla Terra tra quelli del sistema solare.

La sua superficie presenta valli, calotte polari, deserti sabbiosi e anche formazioni vulcaniche e geologiche – come il Monte Olimpo alto 27 chilometri (il vulcano più grande del sistema solare) e le Valles Marineris, un lungo ed esteso canyon – che hanno suggerito la presenza, nel lontano passato, di un’idrosfera, anche se, di recente, la presenza di acqua sul Pianeta Rosso nel suo passato è stata messa in discussione.

Proprio in questi giorni il Pianeta Rosso si trova in opposizione, una condizione questa che avviene ogni 2 anni e 2 mesi circa e che consiste nell’allineamento di Marte con il Sole e la Terra, che lo oltrepassa nella sua orbita intorno al Sole. Condizione questa che può avvenire ogni 15 anni oppure ogni 17 anni, quando Marte è in perielio, ossia nel punto della sua orbita più vicino al Sole.

Quest’anno l’opposizione si è verificata il 22 maggio, mentre il 31 maggio la Terra e il Pianeta Rosso si sono trovati alla minima distanza. Per osservare il vicinissimo Pianeta Rosso sono stati di grandissimo aiuto i telescopi di piccole o medie dimensioni puntati in direzione sud-est. La vista è stata migliore nell’emisfero australe, in paesi come Australia e Nuova Zelanda, dove Marte è apparso molto alto nel cielo, vicino a Saturno e alla stella Antares.

Chi, qualche giorno fa, non ha potuto osservare l’evento non deve affatto preoccuparsi poiché esso si ripeterà tra un paio di anni, precisamente nel 2018, quando il pianeta Marte transiterà ancora più vicino alla Terra con una distanza di soli 58 milioni di chilometri.

Tag:
© RIPRODUZIONE RISERVATA