Gaianews

Misteri dello spazio: Cos’è Niku?

Scritto da Silvia Buda il 22.08.2016

Niku (una parola cinese che si traduce con “ribelle”) che sembrerebbe essere il nome di un super-eroe protagonista dell’ultimo film della Pixar, in realtà non lo è. Niku è un piccolo corpo celeste, alquanto misterioso, con un’orbita molto strana e che è stato scoperto nel Sistema Solare Esterno.

L‘oggetto transnettuniano che si trova vicino al pianeta Nettuno starebbe girando attorno al Sole in senso opposto rispetto agli altri pianeti. Niku, che potrebbe avere un diametro di circa 200 km ed essere ben 160 mila volte meno brillante di Nettuno, ha una sua orbita particolare ed è per questo che è stato chiamato “ribelle”.

La sua orbita è inclinata: il corpo celeste orbita su un piano inclinato di 110 gradi rispetto a quello degli altri pianeti del Sistema, e con un moto retrogrado, cioè contrario a quello della maggior parte dei pianeti solari, eccezion fatta per Urano e Venere.

Niku è stato scoperto dagli astronomi grazie al telescopio Pan STARSS 1 – Panoramic Survey Telescope and Rapid Response System 1 Survey di Maui, nelle Hawaii. Attualmente, si sta muovendo verso l’alto e forse c’è una forza che lo spinge a prendere questa direzione. Qual è questa forza misteriosa?

Il moto anomalo di Niku è una caratteristica comune ai sistemi planetari, che nasce dalla struttura del disco protoplanetario attorno a una stella in formazione. Michele Bannister, astronomo della Queens University di Belfast (Regno Unito) spiega infatti che “Il momento angolare costringe ogni cosa a ruotare e muoversi nella stessa direzione” .

Il disco protoplanetario è una struttura discoidale di gas e polveri in orbita attorno ad una stella o, più spesso, ad una protostella. I dischi protoplanetari raggiungono dimensioni che vanno da qualche decina di Unità Astronomiche (U.A.) sino ad arrivare a 1000 U.A ed hanno temperature variabili.

Tuttavia, il perché di questo moto anomalo di Niku sembrerebbe ancora essere un bel mistero, anche se all’inizio c’è stato chi, come Matthew Holman, atrofisico presso il Smithsonian Center di Harvard, ha pensato che il Pianeta Nove, presente nel Sistema solare esterno, potesse in, un certo qual modo, influenzare l’orbita di Niku. Ma, poi si è visto che, non è così perché il piccolo pianeta si trova troppo “vicino” a Nettuno.

Ad oggi “Niku il ribelle” resta per i ricercatori, gli astronomi e gli studiosi di tutto il mondo un enigma ancora tutto da risolvere. Restiamo a vedere cosa ci riserverà il futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA