Gaianews

Rinviata la Missione Insight verso Marte

Scritto da Silvia Buda il 07.01.2016

La Missione Insight, acronimo che sta per Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport, che sarebbe dovuta partire fra tre mesi è stata rinviata. La decisione è stata presa dalla Nasa pochi giorni fa.

La missione, costituita da un lander equipaggiato con un sismometro e un sensore termico portato ad una profondità di 5 metri al di sotto della superficie, avrebbe dovuto studiare la struttura del pianeta Marte, analizzandone il cuore e il rilascio di calore che c’è al suo interno.

Il rinvio della missione americana Insight (prevista per il prossimo mese di marzo) è stato deciso a causa di un problema ad uno degli strumenti principali della sonda, si tratta del SeisSeismic Experiment for Interior Structure – un sismografo costruito dal centro spaziale francese, Cnes, molto simile ai sismografi che sono utilizzati per le onde sismiche dei terremoti terrestri.

Il sismografo del Cnes progettato con lo scopo di rilevare i movimenti del suolo del Pianeta Rosso, per funzionare deve essere immerso in una camera sotto vuoto assoluto, viste le condizioni estreme del pianeta Marte. Purtroppo, però, è stata scoperta una perdita che non permette ai tre sensori del sismografo di poter lavorare in condizioni di vuoto assoluto – condizione necessaria – questa è stata la causa che ha portato gli scienziati e tecnici della Nasa a prendere la decisione definitiva di rinviare la missione Insight.

Il problema tecnico riscontrato durante gli ultimi test è così rilevante da non esserci tempo a sufficienza per risolverlo. Marc Pircher del Cnes ha detto che “È la prima volta che viene costruito uno strumento così delicato. Eravamo molto vicini al successo, ma si è verificata un’anomalia che richiede ulteriori indagini”.

Per il momento non è stata comunicata alcuna data precisa. John Grunsfeld che fa parte del direttorato per le Missioni scientifiche della Nasa ha affermato che “La data precisa sarà riprogrammata nei prossimi mesi”. Ha poi aggiunto che “L’esplorazione dello spazio non perdona e la questione di fondo è che non siamo pronti per lanciare la missione nel 2016. Una cosa è chiara: la Nasa – comunque – rimane pienamente impegnata dell’esplorazione di Marte”.

Forse, la missione Insight verrà posticipata al 2018 considerando che la prossima finestra utile per il lancio sarà tra circa due anni. Restiamo comunque fiduciosi che nel mese di marzo 2016 verrà lanciata su Marte un’altra missione, la missione tutta europea di ExoMars.

© RIPRODUZIONE RISERVATA