Gaianews

Astronomia

  • Risolto il mistero dell’origine degli anelli di Saturno

    Risolto il mistero dell’origine degli anelli di Saturno

    Un team di ricercatori ha presentato un nuovo modello che spiegherebbe l’origine degli anelli di Saturno, in base ai risultati delle simulazioni condotte al computer; risultati applicabili anche agli anelli degli altri pianeti giganti e che potrebbero inoltre chiarire le differenze tra gli anelli di Saturno e gli anelli di Urano. Lo studio è stato […]

  • La Nube di Smith è in arrivo

    La Nube di Smith è in arrivo

     La notizia secondo cui la Nube di Smith – una grandissima nube interstellare di gas principalmente costituita da idrogeno ed elio – si stia avvicinando sempre più alla nostra galassia, viaggiando ad una velocità di un milione di chilometri orari, è di pochissimi giorni fa. La nube vasta all’incirca 11.000 anni luce prende il nome […]

  • Una molecola ‘che non può esistere’

    Una molecola ‘che non può esistere’

    Per secoli la Scienza, quella ufficiale, con la S maiuscola, ha sancito leggi, regole, teorie che dovevano essere osservate e rispettate, senza lasciarsi andare a interpretazioni o mettere in dubbio la veridicità di quanto affermava o dei paradigmi sanciti. Chiunque avesse dubitato o deviato dai percorsi tracciati, rischiava la ‘scomunica’ o, nel migliore dei casi, […]

  • Osservazione eccezionale: una coppia di buchi neri in una galassia non attiva

    Osservazione eccezionale: una coppia di buchi neri in una galassia non attiva

    Un team internazionale di scienziati fra cui anche astronomi del Max Planck Institut di Bonn, in Germania, ha osservato una coppia di buchi neri orbitanti l’uno attorno all’altro. Si tratta di un’osservazione eccezionale, avvenuta fortuitamente, in quanto i buchi neri si trovano in una galassia ordinaria e non in una galassia attiva. In genere le […]

  • Scoperte due antiche nane brune della nostra galassia

    Scoperte due antiche nane brune della nostra galassia

    Un team di astronomi dell’Università di Hertfordshire, guidato da David Pinfield, ha scoperto due delle più antiche nane brune presenti nella nostra galassia. Questi oggetti si muovono ad una velocità di 100-200 chilometri al secondo, molto più velocemente delle stelle ordinarie e di altre nane brune fino ad oggi note. Anche alla luce di queste peculiarità, si […]

  • E’ morta l’astrofisica italiana Margherita Hack

    E’ morta l’astrofisica italiana Margherita Hack

    Si è spenta all’età di 91 anni Margherita Hack, la voce più nota dell’astrofisica italiana e grande divulgatrice scientifica, oltre che animalista e attivista per i diritti. Ha studiato le variabili Cefeidi, uno speciale tipo di stella che viene utilizzata per misurare la luminosità assoluta di tutte le altre stelle 

  • Hubble scopre stelle morte ‘inquinate’ dai frammenti dei loro pianeti rocciosi

    Hubble scopre stelle morte ‘inquinate’ dai frammenti dei loro pianeti rocciosi

    Gli astronomi hanno osservato per la prima volta i componenti chimici di pianeti simili alla Terra in un luogo alquanto improbabile: la superficie di alcune stelle morte nelle vicinanze del Sole, a circa 150 anni luce da noi

  • Fabbrica di stelle agli inizi dell’Universo sfida le teorie correnti di evoluzione galattica

    Fabbrica di stelle agli inizi dell’Universo sfida le teorie correnti di evoluzione galattica

    Un team di astronomi ha scoperto una galassia estremamente lontana che crea stelle oltre 2.000 volte più velocemente della nostra Via Lattea. Osservata in un’epoca in cui l’universo aveva meno di un miliardo di anni, la sua semplice esistenza sfida le nostre teorie dell’evoluzione delle galassie. Le osservazioni sono state effettuate utilizzando lo Herschel Space Observatory dell’Agenzia Spaziale Europea

  • Pianeta abitabile attorno a Tau Ceti, a soli 12 anni luce da noi

    Pianeta abitabile attorno a Tau Ceti, a soli 12 anni luce da noi

    Scoperto un pianeta abitabile a 12 anni luce dalla Terra. Un team internazionale di astronomi guidato dall’Università di Hertfordshire ha infatti scoperto che attorno a Tau Ceti, una delle stelle più vicine e più simili al Sole, ci sono cinque pianeti, di cui uno nella zona abitabile della stella, dove è presente acqua allo stato liquido

  • Astrofili scoprono il primo pianeta illuminato da quattro stelle

    Astrofili scoprono il primo pianeta illuminato da quattro stelle

    Grazie allo sforzo congiunto di scienziati amatoriali e astronomi professionisti è stata fatta una scoperta straordinaria: si tratta di un pianeta illuminato da ben quattro stelle. Il pianeta, battezzato PH1, orbita attorno a due stelle, e altre due stelle ruotano intorno a queste ultime

  • Nel novembre del 2013 arriva la cometa Ison

    Nel novembre del 2013 arriva la cometa Ison

    E’ stata scoperta pochi giorni fa da due astronomi russi una nuova cometa che tra poco più di un anno potrà regalarci uno spettacolo entusiasmante. Non sarà proprio la stella di Natale, perché arriverà a novembre, ma comunque la sua magnitudine apparente (ossia la suà luminosità nel cielo) sarà davvero notevole

  • Scoperti pianeti attorno a stelle simili al Sole in un ammasso stellare

    Scoperti pianeti attorno a stelle simili al Sole in un ammasso stellare

    Un team di astronomi finanziati dalla Nasa ha scoperto per la prima volta dei pianeti extrasolari che ruotano attorno a stelle appartenenti ad un ammasso (un gruppo di stelle particolarmente vicine). I risultati offrono la migliore evidenza che i pianeti possono nascere in ambienti ad alta densità stellare

  • Osservata esplosione nell’atmosfera di Giove

    Gli astronomi e astrofili di tutto il mondo hanno potuto osservare nell’atmosfera di Giove una palla di fuoco. Il fenomeno è stato probabilmente causato dall’impatto di un asteroide o di una cometa con il pianeta. L’esplosione è durata circa due secondi ed è stata visibile come una sorta di lampo bianco. L’oggetto che ha impattato […]

  • WFI scopre la stella che non invecchia

    WFI scopre la stella che non invecchia

    Il WFI (Wide Field Imager) ha trovato la prova di un stella che ha il segreto dell’eterna giovinezza. LA stella si trova nell’ammasso globulare Messier 4. Quest’ammasso è uno dei più antichi, più vicini e più studiati. Nell’ultima immagine presa dal WFI insieme con altre prese dal VLC, gli scienziati hanno scoperto una stella che […]

  • Trovate molecole di zucchero vicino ad una giovane stella

    La realtà attorno a noi non finisce di stupirci mai. E’ di un team di astronomi che utilizza l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) la scoperta che ha individuato molecole di zucchero nel gas che circonda una giovane stella simile al Sole. La scoperta, prima nel suo genere, dimostra che i mattoni della vita sono nel […]

  • Dalle nane bianche una conferma alla curvatura dello spazio einsteiniano

    La relatività generale di Albert Einstein prevede l’esistenza di onde gravitazionali, increspature dello spazio-tempo quadrimensionale simili alle onde sulla superficie di uno stagno dopo il lancio di una pietra. Si tratta di perturbazioni del campo gravitazionale che si diffondono alla velocità della luce e che, in analogia al campo elettromagnetico, possono viaggiare e trasportare energia […]

  • BOSS: un enorme “giradischi” che cattura i segreti dell’Universo

    Con un catalogo di 535.995 galassie, 102.100 quasar e 116.474 stelle, la Baryon Oscillation Spectroscopic Survey (BOSS) è la più grande raccolta di dati nell’ambito della Sloan Digital Sky Survey III (SDSS-III), un programma di ricerca avviato nel 2001 che ha consentito di costruire mappe tridimensionali di galassie lontane e di buchi neri. I dati […]

  • Curiosity su Marte: 7 minuti di terrore per sapere della vita sul pianeta rosso

    Mancano poco meno di 6 giorni all’atterraggio del Rover Curiosity su Marte. Il rover, grande come un automobile e molto più pesante dei suoi fratellini Opportunity e Spirit, pesa infatti 900 chili, contro i poco meno di 200 degli altri due, avrà il compito di scoprire se su Marte ci sia mai stata dell’acqua e […]

  • DARPA dà nuova vita ai satelliti zombie

    Alien incontra “La moglie di Frankenstein” e “La notte dei morti viventi”? Sembra un possibile film horror o fantascientifico, ma l’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata per la difesa (DARPA) – l’inventrice di internet – ha deciso di raccogliere i component dei satelliti “zombie” non più funzionanti per costruire nuovi strumenti nello spazio. Il  […]