Gaianews

Planck

  • Il vuoto quantistico per spiegare l’energia oscura

    Il vuoto quantistico per spiegare l’energia oscura

    La quintessenza e l’energia fantasma rappresentano l’ipotesi più nota per spiegare la natura dell’energia oscura in accordo con i dati raccolti dai satelliti Planck dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e da WMAP (Wilkinson Microwave Anisotropy Probe) della NASA.  I ricercatori delle università di Barcellona e di Atene suggeriscono che entrambe le possibilità sono solo un miraggio, e che sarebbe il vuoto […]

  • Cosa significa catturare le tracce del big bang?

    Cosa significa catturare le tracce del big bang?

    Come sapete, ieri il team guidato da John Kovac dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ha comunicato di aver catturato  i primi segnali di vita dell’universo, risalenti a circa 13,8 miliardi di anni fa. Si tratta della prima prova sperimentale dell’esistenza di onde gravitazionali primordiali generatesi durante il big bang, una scoperta importante che, con un livello di significatività di […]

  • I neutrini risolvono un annoso problema cosmologico

    I neutrini risolvono un annoso problema cosmologico

    Un team di ricercatori delle università di Manchester e di Nottingham sono riusciti a risolvere un annoso problema cosmologico: usando le “osservazioni” del Big Bang e la misura della curvatura dello spazio-tempo forniteci da Planck sono infatti riusciti ad ottenere la prima misurazione precisa della massa dei neutrini. Cosa hanno a che fare queste elusive particelle […]

  • A spasso per il multiverso con Laura Mersini Houghton

    A spasso per il multiverso con Laura Mersini Houghton

    È almeno dal 2005 che gli studi di Laura Mersini Houghton, fisico teorico presso l’Università della Carolina del Nord, si concentrano sul multiverso (solo per citare alcune pubblicazioni: 2006, 2007, 2008). Partendo dalla Radiazione Cosmica di Fondo lasciata dal Big Bang da quando l’Universo ha cominciato ad esistere (13,8 miliardi anni fa), molti astronomi ritengono che vi siano degli indizi molto […]

  • L’Universo è più vecchio e contiene più materia oscura

    L’Universo è più vecchio e contiene più materia oscura

    Il telescopio spaziale Planck ha realizzato la più dettagliata mappa dell’Universo mai realizzata, riuscendo a captare la luce proveniente dai suoi albori e rivelando nuove informazioni: è più vecchio di circa 100 milioni di anni e contiene più materia oscura di quanto si pensasse

  • Italia in prima fila nel successo del telescopio Planck

    Planck è un telescopio dell’ESA fatto appositamente per registrare radiazione a microonde, ossia il background della radiazione dell’Universo,  il fondo cosmico che, opportunamente analizzato, ci fornisce una fotografia dei primi istanti dell’universo. Uno sguardo nuovo e più completo a tutte le regioni dell’Universo. “Per la prima volta”, dice Gianfranco De Zotti, astronomo ordinario presso l’INAF-Osservatorio […]