Gaianews

Ansia e problemi sessuali? E’ il tecnostress

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 08.10.2013

Ansia insonnia e problemi sessuali: sono i sintomi dei nuovi mali dell’era tecnologica, il tecnostress.

Chi lavora la computer sa cosa vuole dire praticamente multitasking, connessione continua, impossibilità a staccarsi dallo schermo, qualsiasi esso sia, computer, tablet o smartphone.

Letto_dormire

La connessione pare seguirci ovunque. Con delle conseguenze anche gravi, dai disagi a seri disturbi. A confermare i sintomi di questa nuova patologia una serie di interviste realizzate per uno studio: intervistati centinaia di manager ICT. Nota comune e dolente: il primo a fare le spese di questa connessione continua è il rapporto di coppia. Si tratta, spiegano gli esperti, di un vero e proprio allontanamento dai due nuclei fondamentali della propria esistenza: la sessualità e l’amore.

Il tecnostress infatti causa un abbassamento dei livelli del testosterone, un calo del desiderio con un conseguente effetto sulla relazione di coppia. E sono sotto accusa anche i social network: secondo uno studio il 16% degli uomini statunitensi passa la maggior parte del suo tempo su facebook e twitter e si dimentica della partner. Una crisi che viene avvertita soprattutto a livello sessuale.

Carlo Molinari, urologo dell’Ospedale San Camillo di Roma ha dato questi consigli a chi si riconosce nel tecnostressato:“Dialogo con il partner, una maggiore socialità, un po’ di coccole e massaggi per risvegliare i sensi assopiti. Per ritrovare il vigore sessuale causato da astenia sessuale ci sono validi, e testati scientificamente, rimedi naturali quali integratori a base di Tradamixina, un composto naturale a base dell’alga Ecklonia Bicyclis, Tribulus Terrestre e Glucosamina, agisce sul testosterone, l’ormone maschile responsabile della libido.  E naturalmente staccare la spina a computer, tablet e smarthpone”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA