Gaianews

Gravidanza: rischi per le donne over 40

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 23.02.2012

Sempre meno coppie cercano la gravidanza. Inoltre, aumentano le paure nelle gestanti e i casi di depressione post-partum. Sono queste le allarmanti tendenze che sottolineano alcuni esperti italiani, che si appellano ad una maggiore responsabilità di fronte all’evento della nascita, che va preparato con attenzione e, soprattutto, serenità. Oggi le donne migranti si approcciano alla natalità con dieci anni di anticipo rispetto alle italiane, anche se nel 2010 sono diminuite di 1,9% . I bimbi che nascono da madri single sono il 3%, mentre quelli riconosciuti da un solo genitore sono appena lo 0,01% (Policlinico di Modena dati 2010). Le paure più diffuse sono il travaglio doloroso, l’obesità duratura e l’ansia che si alteri il rapporto col coniuge.

Dinanzi a tali problematiche, che possono determinare complicazioni durante la gravidanza ed il parto, sia al nascituro che alla madre, gli specialisti della Casa di Cura Villa Pia nella U.O. di Ostetricia e Ginecologia consigliano di rivolgersi meno in Ospedale e di più alle strutture convenzionate. L’obiettivo è quello di ridurre la percentuale abnorme di cesarei, se non vi fosse l’esasperata richiesta di risarcimenti per supposti errori sanitari, spiegano i medici.

Il parto ospedaliero presenta vantaggi, ma anche punti deboli; tra questi ultimi, nelle strutture ad alta concentrazione, il cosiddetto “parto di gruppo” è impersonale e poco umanizzato.

Il prof. Riccardo Ingallina, direttore della Casa du Cura Villa Pia, consiglia per non cadere in depressione post partum di pensare che la depressione potrebbe rubare la “gioia della maternità”, ma soprattutto consiglia di rivolgersi agli psicoterapeuti per un intervento terapeutico tempestivo ai primi segnali di allarme, come capogiri e riduzione della memoria. In questo modi si rinsaldano i legami affettivi sviluppando col coniuge una cogenitorialità più responsabile ed un miglior attaccamento madre-padre-neonato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA