Gaianews

Francia: sì dell’Assemblea nazionale ai matrimoni omosessuali

Francia, la popolazione omosessuale festeggia il voto dell’Assemblea Nazionale che ha approvato un articolo a favore dei matrimoni tra persone dello stesso sesso

Scritto da Chiara Pane il 03.02.2013

Francia, la popolazione omosessuale festeggia il voto dell’Assemblea Nazionale che ha approvato un articolo a favore dei matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Matrimonio omosessuale

Il nuovo articolo, votato sabato in Parlamento definisce il matrimonio un vincolo tra due persone senza specificarne il sesso. Una vittoria schiacciante dei si 249 contro i 97 no. Un voto che rispecchia il volere della popolazione francese, che secondo gli ultimi sondaggi sarebbe sempre più a favore dei matrimoni omosessuali. Il 63% sarebbe d’accordo ai matrimoni fra persone dello stesso sesso, e stanno anche aumentando i consensi per le adozioni. Il 27 gennaio scorso decine di migliaia di persone sono scese nelle strade della capitale per manifestare a favore del controverso disegno di legge elaborato dalla maggioranza del presidente Hollande.

Il ministro della Giustizia, Christiane Taubira, che all’inizio della settimana ha pronunciato un discorso travolgente a favore del disegno di legge, ha affermato che il governo è orgoglioso del risultato, commentando “Stiamo cercando di garantire ad ognuno la libertà di scegliere il partner con cui condividere il proprio futuro”.

Naturalmente non mancano i contestatori che qualche settimana fa hanno organizzato una manifestazione di piazza per esprimere il proprio dissenso all’iniziativa. In parlamento ad opporsi sono soprattutto i cattolici e gli esponenti della destra che si dicono preoccupati per ulteriori richieste. Il maggiore partito contrario al provvedimento, l’Unione per un Movimento Popolare (UMP), venerdì 1 febbraio ha pubblicato sul proprio sito una nota che critica la circolare firmata dalla stessa Christiane Taubira a favore del rilascio dei certificati di nazionalità francese ai bambini nati all’estero da padre francese e madre surrogata. La nota si conclude con la richiesta di un referendum popolare sulle questioni dei matrimoni omosessuali, delle adozioni e sulla maternità surrogata. Tali procedimenti sono difatti tutt’ora illegali in Francia, ma le coppie che vanno all’estero per essere aiutate ad avere dei figli stanno aumentando.

L’articolo discusso sabato è però solo uno dei 14 che dovranno essere approvati per dare il via alle nozze gay. L’Assemblea Nazionale continuerà a discutere del provvedimento per tutta la prossima settimana. Il voto solenne dell’intero provvedimento è previsto per domenica 10, ma potrebbe anche essere anticipato di qualche giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA