Gaianews

Ondata di caldo: i consigli del Ministero per prevenire i malori

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 27.06.2011

Per la prossima settimana è prevista un’ondata di calore che coinvolgerà tutto il Paese in modi e tempi differenti.
I soggetti più a rischio son gli anziani, i bambini, i malati cronici e coloro che vivono da soli o in condizioni di povertà.
Per questo il Ministero della Salute in collaborazione con la Protezione Civile e con le Regioni ha istituito un Sistema di Allerta, per avvertire i cittadini con 72 ore di anticipo circa le ondate di calore che investiranno le diverse regioni

Il Ministero invita tuti a seguire delle semplici regole che possono evitare di subire il caldo e incorrere in malesseri:
– Non di uscire di casa nelle ore più calde (tra le 11,00 alle 18,00)
– Bere almeno due litri d’acqua al giorno (anche quando non se ne avverte il bisogno), salvo diversa prescrizione del medico curante
– Consumare pasti leggeri e frazionati durante l’arco della giornata e, in particolare, mangiare quotidianamente frutta e verdura fresche; fare attenzione alla corretta conservazione degli alimenti deperibili
– Evitare di bere alcolici e limitare l’uso di bevande contenenti caffeina
– Limitare l’attività fisica intensa soprattutto nelle ore più calde
– Indossare indumenti leggeri, non aderenti, di fibre naturali, di colore chiaro; proteggere la testa dal sole diretto con un cappello e gli occhi con occhiali da sole
– Mantenere chiuse le finestre durante il giorno e aprirle di sera, quando l’aria esterna è più fresca

Va prestata particolare attenzione al calore che può svilupparsi in auto e alla possibilità di lasciare animali o bambini anche per poco tempo nell’abitacolo:
– In auto, usare tendine parasole; se si entra in una vettura che è rimasta a lungo sotto il sole, per prima cosa aprire gli sportelli per ventilare l’abitacolo e poi iniziare il viaggio con i finestrini aperti o il condizionatore acceso per abbassare la temperatura interna; evitare di lasciare anche per poco tempo persone o animali nell’auto chiusa in sosta, perché la temperatura all’interno dell’abitacolo si innalza rapidamente anche se la temperatura esterna non è particolarmente elevata e può causare anche un colpo di calore, specialmente nei bambini piccoli

Un occhio particolare va rivolto a bambini, anziani e malati cronici. Se potete, tenete presenti anziani che conoscete e che vivono da soli. Anche i soggetti che vivono soli sono a rischio.

Qui potete trovare tutte le altre informazioni utili ad affrontare le ondate di calore senza rischi fornite dal Ministero dell Salute.

© RIPRODUZIONE RISERVATA