Gaianews

Perché i giovani sono stufi di Facebook?

Scritto da Elisa Corbi il 29.05.2013

Facebook ha perso il suo primato? Questa la domanda fatta dal Time, all’inizio di quest’anno, a decine di adolescenti.  Un nuovo studio del Pew Research Center ha confermato che i ragazzi si stanno stancando del più grande social network del mondo.

Facebook

La ricerca condotta dal Pew Internet & American Life Project ha rilevato che gli adolescenti su Facebook si sentono parecchio stressati e ansiosi. Gli scontri sociali presenti nei corridoi delle scuole superiori stanno giocando un ruolo pesante anche online. “Penso che Facebook può essere divertente, ma può diventare anche un vero e proprio dramma, soprattutto per argomenti di bullismo”, dice una ragazza di 14 anni intervistata. “Sul social le persone implicano cose, anche solo mettendo un  Like, che non si dovrebbero dire nella vita reale.”

Inoltre i  genitori, ormai onnipresenti su Facebook, sono un  altro motivo di questo malcontento giovanile. Circa il 70% degli adolescenti sono amici con mamma e papà, ma secondo lo studio questo non significa che siano tutti contenti. 

“E’ pesante… perché poi iniziano a farmi domande  sul come e il perché sto facendo una determinata cosa” dice un ragazzo di 17 anni. “Se non ottengo la privacy in casa, almeno, penso, dovrei averla su un social network.”

Gli adolescenti sono diventati profondamente consapevoli che tutto ciò che pubblicano on-line potrebbe essere analizzato da genitori e parenti. Il 57% di loro sceglie di non pubblicare qualcosa perché pensa che potrebbe avere effetti negativi. 

Circa un quarto dei ragazzi tende ad avere un account con nome, età e posizione gegrafica falso,  per proteggere  la privacy online, anche se l’uso di nomi impropri viola i termini di utilizzo di Facebook.

Ma nonostante le lamentele, Facebook rimane un requisito importante per la vita sociale sul web. Il numero di adolescenti che usano il sito in realtà lo scorso anno è aumentato, dal 93% nel 2011 al 94% nel 2012. Tuttavia, molti si stanno orientando sempre di più  sui recenti social network . Nel 2012 il 26% dei giovani ha utilizzato Twitter , rispetto all’ 11% dell’anno precedente. Instagram (di proprietà Facebook) è stata la terza rete più popolare, con il 11% degli adolescenti che usano il sito di condivisione foto.  In particolare Instagram, consente ai ragazzi più opportunità  di espressione creativa ed è una fonte minore di tensioni, dice Mary Madden,  ricercatrice senior presso il Pew Research Center.

Ma nel rapporto ci sono anche buone notizie per Facebook . Sembra infatti che gli adolescenti di oggi siano molto più propensi a pubblicare la loro foto, la loro città natale, il loro indirizzo e-mail e anche il loro numero di cellulare online di quanto non lo fossero nel 2006, quando MySpace era il social network di più potente. Solo il 9% di questi  ragazzi è preoccupato che qualcuno possa accedere alle informazioni e condividerle attraverso i social, mentre il 22% non è affatto interessato alla cosa. Al contrario, l’81% dei genitori temono per ciò che gli inserzionisti possono conoscere sulle attività online dei propri figli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA