Gaianews

Autismo: nocivi troppa televisione e videogiochi

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 27.01.2012

VideogiochiGli adolescenti con autismo trascorrono il proprio tempo libero in solitudine davanti ad uno schermo. I ricercatori dell’Università del Misoouri, pur non deprecando questi media ne condannano gli abusi.

I bambini con disturbi dello spettro autistico (ASD) tendono ad essere affascinato dalle tecnologie basata su uno schermo. Un nuovo studio condotto da un ricercatore dell’Università del Missouri ha scoperto che gli adolescenti con autismo trascorrono la maggior parte del loro tempo libero utilizzando non i social media, ma la televisione e i video-giochi.

“Anche se i genitori e i medici hanno spesso osservato che i bambini con ASD tendono ad essere attratti dagli  schermi dei mezzi di comunicazione, il nostro è il primo studio su larga scala per esplorare questo problema”, ha detto Micah Mazurek, assistente professore presso laSchool of Health Professions and the Thompson Center for Autism and Neurodevelopmental Disorders. “Abbiamo scoperto che il 64 per cento degli adolescenti con autismo trascorrono la maggior parte del loro tempo libero guardando la TV e giocando ai videogiochi e al computer. Questi tassi sono molto più alti rispetto a quelli dei ragazzi con altri tipi di disabilità. D’altra parte, gli adolescenti con autismo hanno una minore probabilità di trascorrere del tempo usando l’email o i social network”.

La maggior parte dei ragazzi con DSA (64,2 per cento) passano la maggior parte del loro tempo libero usando televisione e video giochi, mentre solo il 13,2 per cento trascorre il proprio tempo su supporti socialmente interattivi (e-mail o chat Internet) .

Questo è il primo studio che esamina la prevalenza dell’utilizzo dei media con schermo  all’interno di un ampio campione rappresentativo a livello nazionale di giovani con ASD. Il compione è consistito in 1.000 adolescenti.

I risultati dimostrano che l’uso dei media con lo schermo che implicano una fruizione solitaria rappresentano l’attività primaria e preferita per una grande percentuale di giovani con ASD, ha detto Mazurek. In precedenza, i ricercatori hanno scoperto che l’uso eccessivo di questi mezzi di comunicazione nei bambini è dannosa per quanto riguarda il rendimento scolastico, l’impegno sociale, la regolazione del comportamento, l’attenzione e la salute.

“Si tratta di una questione importante per gli adolescenti con autismo e per le loro famiglie. Studi hanno dimostrato che un uso eccessivo della TV e dei videogame possono avere effetti negativi effetti a lungo termine per i bambini normali”, Mazurek ha detto. “Negli studi futuri, abbiamo bisogno di imparare di più su aspetti positivi e negativi dell’uso dei media nei bambini con ASD”.

Lo studio è pubblicato sull’ultimo numero del Journal of Autism and Developmental Disorders. La ricerca è stata finanziata da una sovvenzione da parte del National Institute of Mental Health e dall’Organization for Autism Research.

© RIPRODUZIONE RISERVATA