Gaianews

Broccoli per la lotta contro l’artrosi

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 28.08.2013

Un composto presente nei broccoli potrebbe essere la chiave per prevenire o rallentare il progresso della forma più comune di artrosi, secondo una nuova ricerca condotta dall’Università della East Anglia (UEA).

I risultati dello studio in laboratorio mostrano che il sulforafano rallenta la distruzione della cartilagine nelle articolazioni.

Broccoli

Il composto in questione, il sulforafano, è contenuto nelle verdure crocifere come i cavoletti di Bruxelles, il cavolo, e in particolare nei broccoli. Precedenti ricerche hanno già suggerito che il sulforafano ha proprietà anti-cancro e anti-infiammatorie, ma questo è il primo grande studio sui suoi effetti sulla salute delle articolazioni.

I ricercatori hanno scoperto che il sulforafano blocca gli enzimi che causano la distruzione delle articolazioni bloccando una molecola chiave che causa l’infiammazione. La ricerca è stata pubblicata su  Arthritis & Rheumatism.

L’artrosi è una malattia degenerativa che colpisce le mani, i piedi, la colonna vertebrale, le anche e le ginocchia. L’invecchiamento e l’obesità sono i fattori più comuni dell’artrosi  e non esiste una cura o un trattamento efficace per la malattia oltre al trattamento del dolore, che è spesso inadeguato, o l’operazione per inserire una protesi articolare.

Ian Clark, professore di biologia presso la UEA , ha dichiarato: “I risultati di questo studio sono molto promettenti. Abbiamo dimostrato che  funziona in tre modelli di laboratorio, su cellule,  tessuti e sui topi. Ora vorremmo dimostrare che questo funziona anche negli esseri umani.”

“Oltre a trattare coloro che hanno già l’artrosi, è necessario dire alle persone sane come proteggere le loro articolazioni in futuro. Attualmente non esiste un’ indicazione farmaceutica  e comunque non si può chiedere alle persone sane di assumere farmaci preventivamente, per questo la dieta potrebbe essere un’alternativa sicura.

Il Prof. Clark ha aggiunto: “L’artrosi è una delle principali cause di disabilità E’ un enorme carico sanitario e finanziario che peggiorerà in una popolazione sempre più anziana e obesa come la nostra”

“Questo studio è importante perché riguarda come la dieta possa funzionare contro l’artrosi.” Sarebbe fondamentale per migliorare la qualità della vita degli anziani  e per ridurre l’onere economico sanitario, ha spiegato il professore.

Il Prof. Alan Silman ha commentato:”Finora la ricerca ha dimostrato che il cibo o la dieta non possono giocare alcun ruolo nel ridurre la progressione dell’artrosi, quindi se questi risultati potessero essere replicati negli esseri umani, sarebbe un bel passo avanti. Sappiamo che l’esercizio fisico e  un peso sano sono in grado di migliorare i sintomi delle persone e ridurre le probabilità di progressione della malattia, ma questo aggiunge un ulteriore livello alla nostra comprensione di come la dieta possa fare la sua parte. “

Il prossimo studio previsto sugli umani prevede l’assunzione di broccoli prima e dopo l’intervento di inserimento della protesi articolare. I ricercatori potranno vedere quali sia la funzione del sulforafano sulle cartilagini in questi pazienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA