Gaianews

Meteoriti: un kit per creare la vita sulla Terra?

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 09.08.2011

Asteroide la causa della vita sulla Terra?In queste notti di agosto è facile osservare le stelle cadenti che raggiungono la Terra dallo spazio. Ma è possibile che questi oggetti che cadono senza sosta sulla Terra abbiamo a che fare con la nascita della vita?

I meteoriti – almeno quelli che riescono a raggiungere il suolo senza venire completamente bruciati dall’atmosfera terrestre – conservano un “registro” delle sostanze chimiche che esistevano nel sistema solare primordiale. Gli scienziati hanno da molti anni ipotizzato che potrebbero essere state in passato una fonte cruciale di composti organici che hanno dato origine alla vita sulla Terra e, dal 1960, stanno cercando di trovare la “pistola fumante”, ossia la prova definitiva che le basi azotate, i mattoni del nostro materiale genetico, sono arrivate sulla Terra dai meteoriti. Una nuova ricerca, pubblicata in Proceedings of the National Academy of Sciences, indica che alcune basi azotate effettivamente raggiungono la Terra da fonti extraterrestri, come ad esempio alcuni meteoriti, e in quantità maggiori di quanto si pensasse.

Ricerche approfondite hanno mostrato che gli amminoacidi, i mattoncini di base delle proteine, esistono nello spazio e sono arrivati ​​sul nostro pianeta sul “dorso” su un tipo meteoriti ricchi di materiale organico, chiamati condriti carboniose. Il difficile per i ricercatori è stato provare che le basi azotate trovate su campioni di questi meteoriti non sono i  realtà frutto della contaminazione da fonti sulla Terra.

Il team di ricerca, che comprende Jim Cleaves del Geophysical Laboratory della Carnegie, ha utilizzato tecniche avanzate di spettroscopia per purificare e analizzare campioni provenienti da 11 differenti condriti carboniose ed uno ureilite, un tipo molto raro di meteorite con un diverso tipo di composizione chimica. Questa è stata la prima volta che questi due tipi di meteoriti vengono esaminati insieme per cercare le basi azotate.

Due delle condriti carbonacee contenevano una gamma diversificata di basi azotate e composti che sono strutturalmente simili, i cosiddetti analoghi nucleobase. Ma la cosa più interessante è stata il fatto che tre di questi analoghi nucleobase sono molto rari nella biologia terrestre. In aggiunta, non sono state trovate concentrazioni significative di queste basi azotate in campioni di suolo e ghiaccio nelle zone in cui i meteoriti sono stati raccolti.

“Aver scoperto che questi composti con nucleobase insoliti nella biochimica terrestre supporta fortemente una loro origine extraterrestre”, ha detto Cleaves.

Il team ha testato le conclusioni della loro ricerca con gli esperimenti per riprodurre basi azotate utilizzando reazioni chimiche con ammoniaca e cianuro, sostanze molto comuni nello spazio. Le loro basi azotate sintetizzate in laboratorio erano molto simili a quelle trovate nelle condriti carboniose, anche se le quantità relative erano diverse. Questo potrebbe essere dovuto ai processi chimici e termici a cui le basi azotate presenti sui meteoriti sono state sottoposte durante il viaggio attraverso lo spazio.

Questi risultati hanno implicazioni di vasta portata. Le prime forme di vita sulla Terra potrebbero essersi assemblate da materiale fornito alla Terra dai meteoriti.

“Questo ci dimostra che i meteoriti potrebbero essere stati il kit molecolare che ha fornito le componenti essenziali per la vita sulla Terra”, ha detto Cleaves. E significherebbe anche che la vita sui pianeti extrasolari con condizioni adatte alla vita sono meno rare di quanto pensato in precedenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA