Gaianews

orso

  • Parco dei Simbruini: accordo con i cacciatori per tutelare l’orso marsicano

    Parco dei Simbruini: accordo con i cacciatori per tutelare l’orso marsicano

    Sono stati ripetuti gli avvistamenti di orsi marsicano in provincia di Frosinone, nel Parco dei Monti Simbruini negli ultimi mesi. Perciò Regione Lazio, Parco e L’Azienda territoriale di Caccia di Frosinone stanno stipulando un accordo per collaborare alla conservazione degli orsi che dalla popolazione principale che vive nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo si sposta nell’areale periferico

  • Luigi Boitani per M’ammalia: lupi e orsi in Italia

    Luigi Boitani per M’ammalia: lupi e orsi in Italia

    I lupi fanno parte di quei grandi carnivori perseguitati per molto tempo e diminuiti nel numero col passare degli anni, fino a scomparire in alcune aree d’Europa. La situazione attuale vede però un parziale miglioramento, con l’aumento delle foreste e delle prede registrato nell’ultimo secolo. Al Museo delle Scienze di Trento Luigi Boitani ha raccontato l’equilibrio delocato tra i grandi carnivori e l’uomo

  • Video dell’orso al Parco della Majella: intervista a Nicola Cimini

    Video dell’orso al Parco della Majella: intervista a Nicola Cimini

    Il Parco della Majella ha recentemente pubblicato un video emozionante in cui si possono ammirare le migliori immagini di orsi e lupi girate nell’ultimo anno nei territori dell’area protetta.
    Abbiamo intervistato il direttore del Parco, Nicola Cimini, che ha ribadito l’importanza di una politica e dunque di relative azioni, che considerino un areale molto più grande di quello della cosiddetta “core area”, nella quale si trova la maggior parte della esigua popolazione di orsi marsicani, stimati ad oggi in solo 40 individui.

  • Petizione per salvare l’orso confidente M13 in Svizzera

    Petizione per salvare l’orso confidente M13 in Svizzera

    Una raccolta di firme per salvare un orso bruno in Svizzera, nel cantone italiano, che è diventato come si dice in gergo confidente, ossia non ha più paura ad avvicinarsi all’uomo e alle strutture umane e fa qualche danno. La legge svizzera in questi casi prevede l’abbattimento dell’animale, ma su internet si è scatenata la corsa per salvare l’individuo, che si chiama poco romanticamente M13

  • Al via il primo progetto di Salviamo l’Orso

    Al via il primo progetto di Salviamo l’Orso

    Salviamo l’Orso, associazione appena nata che vuole impegnarsi nella salvaguardia dell’orso marsicano, costituitasi solo a settembre scorso avvia già il suo primo progetto concreto per mitigare le cause di minaccia alla sopravvivenza della popolazione sull’Appennino centrale. Con scadenze precise l’associazione si propone di “mitigare i rischi legati al traffico stradale nelle aree di maggiore frequentazione dell’orso.”

  • Green economy, SEN e parchi: intervista a Fulvio Mamone Capria

    Green economy, SEN e parchi: intervista a Fulvio Mamone Capria

    Sotto il grande tetto della green economy ci sono le energie rinnovabili, protagoniste della nuova Strategia di Energia Nazionale, che ha ricevuto le critiche di un cartello di associazioni ambientaliste. Abbiamo intervistato sull’argomento Fulvio Mamone Capria, presidente di LIPU-Birdlife Italia, chiededogli anche in che modo, nel campo della green economy, troveranno spazio le aree protette italiane, ad oggi ancora in attesa di ricevere il colpo di mannaia della spending review

  • Franco Zunino e Giuseppe Rossi seppelliscono l’ascia di guerra

    Franco Zunino e Giuseppe Rossi seppelliscono l’ascia di guerra

    E’ il caso di dire che con l’orso marsicano i colpi di scena non mancano mai. L’ultimo probabilmente non se lo sarebbe mai aspettato nessuno. Dopo una strenua lotta all’ultimo comunicato e, qualche mese fa, pure una querela, il Parco Nazionale d’Abruzzo e l’associazione Italiana per la Wilderness depongono le armi e scelgono di collaborare per la salvaguardia dell’orso

  • Nasce “Salviamo l’orso”, e incontra Antonio Sorgi alla Regione Abruzzo

    Nasce “Salviamo l’orso”, e incontra Antonio Sorgi alla Regione Abruzzo

    Salviamo l’orso è un’associazione tutta nuova consacrata, come si intende facilmente dal nome, alla salvaguardia dell’orso, quello marsicano, in Abruzzo e fuori dai suoi confini. L’orso marsicano è a grave rischio di estinzione, ne restano solo 40 individui

  • Investito cucciolo di orso marsicano: sembra fuori pericolo

    Investito cucciolo di orso marsicano: sembra fuori pericolo

    E’ stato investito da un automobile il piccolo dell’orsa Gemma. Secondo alcune fonti il fatto sarebbe avvenuto a Scanno un paese attorno e nel quale l’orsa si muove spesso e volentieri. L’uomo, che era alla guida dell’automobile, ha subito denunciato il fatto. Il piccolo, anche se l’impatto sarebbe stato di una certa entità, visto che l’automobile ha riportato alcuni danni, si è allontanato dal luogo dell’incidente

  • Orso marsicano: Tar conferma decreto, sospesa la caccia nell’area orso fino a giugno

    Orso marsicano: Tar conferma decreto, sospesa la caccia nell’area orso fino a giugno

    Dopo il ricorso del WWF, il TAR ha confermato il precedente decreto sospendendo fino a giugno la caccia nelle aree dell’orso: nella Zona di Protezione Esterna del Parco e nei Siti di Importanza Comunitaria dove è stata accertata la presenza dell’orso secondo la cartografia dell’apposito Piano per la Tutela dell’Orso Marsicano (PATOM)

  • Orso marsicano, Il Commissario Ue all’Ambiente Janez Potočnik “La Commissione ha già avviato un’indagine”

    Orso marsicano, Il Commissario Ue all’Ambiente Janez Potočnik “La Commissione ha già avviato un’indagine”

    Nel mese di agosto l’europarlamentare IDV Andrea Zanoni, aveva interrogato il Parlamento europeo sulla situazione dell’orso marsicano. Il parlamentare metteva l’accento sull’alta mortalità, parlando di popolazione in declino e imputava la responsabilità alle istituzioni preposte alla conservazione dell’orso, in prima fila il Parco Nazionale d’Abruzzo che negli stessi giorni festeggiava la nascita di 11 nuovi cuccioli

  • Caccia e orso marsicano: un problema aperto

    Caccia e orso marsicano: un problema aperto

    La caccia in Abruzzo è stata sospesa fino al 10 ottobre, dopo un ricorso al TAR da parte del WWF Abruzzo. Il ricorso dell’associazione ambientalista arriva dopo la pubblicazione del Calendario Venatorio per quest’anno: a rischio, secondo il WWF, oltre ad altre specie protette, anche l’orso bruno marsicano.
    Il calendario venatorio è stato redatto quest’anno anche sulla base dei lavori di un apposito Tavolo Tecnico del PATOM, (Piano di Azione per la Tutela dell’Orso Marsicano)

    –  I lavori del Tavolo Tecnico 

    Il Calendario Venatorio

    Intervista ad Augusto De Sanctis, WWF

    Intervista a Luciano Sammarone, Corpo Forestale dello Stato

  • Caccia e orso marsicano: i lavori del Tavolo Tecnico del PATOM

    Caccia e orso marsicano: i lavori del Tavolo Tecnico del PATOM

    A partire da ottobre 2011 si è costituito il Tavolo Tecnico sulla caccia così come previsto dal PATOM ( Piano di Azione per la Tutela dell’Orso Marsicano). Il Tavolo Tecnico può essere considerato una sorta di prosecuzione del tavolo che si era costituito per stendere la parte relativa alla caccia durante la redazione del PATOM. I tecnici hanno lavorato tenendo in considerazione solo la Zona di Protezione Esterna nella logica del “progetto pilota”

  • Caccia e orso marsicano: intervista a Augusto De Sanctis, WWF Abruzzo

    Caccia e orso marsicano: intervista a Augusto De Sanctis, WWF Abruzzo

    La caccia in Abruzzo è attualmente sospesa dal TAR. Il ricorso è stato effettuato dal WWF in quanto il calndario venatorio, secondo l’associazione, non tutelava sufficientemente alcune specie, fra cui l’orso marsicano.
    Abbiamo sentito il rappresentante del WWF Abruzzo sulle motivazioni che hanno spinto l’associazione a presentare ricorso al TAR contro il Calendario Venatorio di quest’anno

  • Caccia e orso marsicano: intervista a Luciano Sammarone, Corpo Forestale dello Stato

    Caccia e orso marsicano: intervista a Luciano Sammarone, Corpo Forestale dello Stato

    Dopo il ricorso al TAR del WWF, la stagione della caccia è stata sospesa dal Tribunale. La Regione Abruzzo quest’anno ha redatto il nuovo Calendario Venatorio anche in base ai dati elaborati da uno specifico Tavolo Tecnico, previsto nel PATOM ( Piano di Azione per la Tutela dell’Orso Marsicano).  Fra i membri del Tavolo Tecnico il dottor Luciano Sammarone, comandante del coordinamento territoriale per l’ambiente del Parco Nazionale d’Abruzzo, intervistato da Gaianews.it

  • Calendario Venatorio e orso marsicano: quali le normative precedenti e quali le innovazioni?

    Calendario Venatorio e orso marsicano: quali le normative precedenti e quali le innovazioni?

    In Abruzzo la caccia è a tutt’oggi sospesa almeno fino al 10 di ottobre. Il WWF infatti ha presentato un  ricorso al TAR, che è stato accettato dal tribunale. Secondo l’associazione ambientalista, infatti, il nuovo calendario non tutelava a sufficienze alcune specie e fra queste anche l’orso bruno marsicano. Il tipo di caccia che più arreca disturbo all’orso è quella al cinghiale soprattutto in braccata ( si utilizzano molti cani e squadre di cinghialai).  
    Invece quest’anno  il Calendario Venatorio apporta importanti innovazioni, secondo il Direttore della Direzione politiche agricole  e sviluppo rurale, forestale,  caccia e pesca Luigi De Collibus.
    Abbiamo inoltre chiesto all’esperta dell’ISPRA Barbara Franzetti, zoologo esperto di biologia e gestione del Cinghiale, quale fosse la normativa precedente in materia di caccia al cinghiale

  • Orso marsicano: i cani randagi sono una minaccia

    Orso marsicano: i cani randagi sono una minaccia

    Con la conta delle femmine coi piccoli al seguito è tornato alla ribalta il problema dei cani randagi nell’area del Parco Nazionale d’Abruzzo.  Il sindaco di Civitella Alfedena Flora Viola e il direttore del Parco Dario Febbo si sono consultati ieri per determinare la data di un incontro che possa essere utile a delineare una sinergia fra le diverse istituzioni coinvolte.  La data non è stata ancora decisa. Ma l’emergenza randagismo nel Parco non sembra essere affatto una novità e può essere una minaccia anche per per l’orso marsicano.

  • Quando biologia e fotografia si incontrano: Bruno D’Amicis racconta gli animali del Parco Nazionale d’Abruzzo

    Quando biologia e fotografia si incontrano: Bruno D’Amicis racconta gli animali del Parco Nazionale d’Abruzzo

    Siamo a Opi, in un piccolo borgo nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, uno di quei luoghi arroccati a 1250 metri d’altezza, dove perdersi a leggere un libro, sorridere alla gente, camminare su e giù tra i v’ttal, gli antichi vicoli, e i resti delle vecchie stalle è un piacere ancora possibile. Qui incontriamo Bruno D’Amicis, biologo e fotografo naturalista, gli abitanti e tanti animali, tutti protagonisti della singolare mostra di fotografia in corso dal titolo “Occhi negli occhi”.

  • Cani randagi e orsi: sindaco propone sinergia fra enti per risolvere il problema

    Cani randagi e orsi: sindaco propone sinergia fra enti per risolvere il problema

    Dopo una segnalazione giunta in redazione, abbiamo verificato con gli esperti dell’Università La Sapienza di Roma la presenza di 9 cani randagi di grossa taglia nel Parco Nazionale d’Abruzzo. I cani sono stati avvistati durante le operazioni di conta delle femmine di orso marsicano con i piccoli al seguito.
    La presenza dei 9 cani era stata segnalata agli enti sia dall’Università che dal Corpo Forestale dello Stato e ora sembra che qualcosa si stia muovendo per risolvere il problema soprattutto grazie al sindaco di Civitella Alfedena, un paese che si trova nel Parco

  • Popolazione orso marsicano: Sammuri si complimenta, ma Zanoni interroga il parlamento europeo

    Popolazione orso marsicano: Sammuri si complimenta, ma Zanoni interroga il parlamento europeo

    Dopo i primi risultati provvisori degli avvistamenti delle femmine di orso marsicano con i piccoli realizzati nell’ambito del progetto LIFE ARCTOS finanziato con fondi europei, le reazioni sono state decisamente diversificate. Gli avvistamenti danno per certi 8 piccoli da 4 femmine. Il Parco Nazionale d’Abruzzo nella persona del Commissario Giuseppe Rossi aveva esaltato la positività […]