Gaianews

I parchi sempre peggio

Scritto da Renzo Moschini il 26.02.2017

Da tempo ormai quel che succede nei parchi è affidato quasi del tutto alle cronache, denunce e critiche di  associazioni ambientaliste ed esperti spesso sulla breccia da decenni. Che la legge di modifica della 394 per l’ennesima volta – e per fortuna – si è fermata alla Camera come una caterva di volte era accaduto al Senato, devono dirtelo loro. Che dal 2013 al 2014 i dipendenti dei 23 parchi nazionali sono passati da 529 a 473 devono fartelo sapere loro e che il Piano sui lupi subisce malgrado i casini  una proroga devono fartelo sapere loro. Idem per tanti altri aspetti  che riguardano i parchi nazionali ma pure quelli regionali che non se la passano meglio. E se i gruppi parlamentari sembrano occuparsene con sconcertante casualità e sovente scarsissima conoscenza e competenza, non parliamo della rappresentanza istituzionale dei parchi degna concorrente di un ministero di cui da tempo si sta occupando Chi l’ha visto?

Che nel caos politico istituzionale attuale le cose possano registrare un rapido miglioramento è certamente poco probabile ma non possiamo rinunciarci.

Anche per questo abbiamo promosso per il 9 marzo a Pisa un incontro nazionale del Gruppo di San Rossore in Piazza Carrara alle 10,30 all’ETS. Chi è ancora interessato ai parchi è invitato.

Renzo Moschini

© RIPRODUZIONE RISERVATA