Gaianews

  • Oceani mai così caldi come oggi

    Oceani mai così caldi come oggi

    Se qualcuno nutrisse ancora qualche dubbio sui cambiamenti climatici in atto, nonostante le variazioni qualitative e quantitative delle precipitazioni, la mancata estate di quest’anno e le alluvioni che stanno imperversando un po’ ovunque, non ha che da aggiungere alla lista delle ‘anomalie’ climatiche anche quanto è stato riscontrato da Axel Timmermann, climatologo dell’Università delle Hawaii. […]

  • Cina, in pericolo le foreste vetuste

    Cina, in pericolo le foreste vetuste

    Secondo un recente articolo pubblicato sulla rivista Biological Conservation, le foreste vetuste cinesi stanno scomparendo, minacciate dalle politiche ambientali finora adottate dal governo di Pechino. L’analisi di Jodi S. Brandt, ricercatrice presso il Dartmouth College, approfondisce la complessità delle interazioni esistenti tra strategie di conservazione e sviluppo economico e ne evidenzia l’impatto su alcune delle […]

  • Carrara e le Apuane

    Carrara e le Apuane

    Con il disastro di Carrara si è tornati a parlare anche delle Apuane e del piano paesaggistico che sulle cave resta per più aspetti controverso. L’iniziativa della Rete dei comitati per la difesa del territorio delle Apuane di Asor Rosa denuncia infatti che i detriti delle cave hanno concorso  a sgretolare gli argini. Se qualcuno […]

  • Il cervo del Kashmir, ritenuto estinto, sopravvive in Afghanistan

    Il cervo del Kashmir, ritenuto estinto, sopravvive in Afghanistan

    Dopo oltre 60 anni dal suo ultimo avvistamento, uno strano cervo dalle zanne da vampiro ha fatto la sua ricomparsa sulle aspre pendici boscose del nord-est dell’Afghanistan, nella provincia del Nuristan, secondo quanto afferma un gruppo di ricerca della Wildlife Conservation Society (WCS), che ha segnalato la presenza di questa specie di cervide. La specie […]

  • Esiste un legame tra cambiamenti climatici e nuove malattie

    Esiste un legame tra cambiamenti climatici e nuove malattie

    Il cambiamento del clima può influenzare, direttamente o indirettamente, la salute umana. Oltre ad un aumento dei rischi di precipitazioni anomale, inondazioni, siccità e ondate di calore, nonché danni per il territorio, sono stati individuati anche i rischi per la salute. In particolare, si stanno manifestando nuove malattie causate da agenti infettivi, quali virus, batteri, […]

  • Nel 2014 il buco dell’ozono sopra l’Antartide si mantiene costante

    Nel 2014 il buco dell’ozono sopra l’Antartide si mantiene costante

    Secondo gli scienziati della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), il buco dell’ozono sopra l’Antartide, che – ricordiamo – varia le sue dimensioni giorno per giorno, ha raggiunto la sua massima estensione annuale l’11 settembre 2014. Le dimensioni raggiunte quest’anno sono state misurate in 24,1 milioni di chilometri quadrati, un’area pari al […]

  • Qual è il significato delle nostre foreste?

    Qual è il significato delle nostre foreste?

    Si è svolta venerdì 24 Ottobre a Camerino una giornata di studio dedicata al tema “Significato e gestione delle foreste”. Numerosi gli interventi che che si sono susseguiti nella mattinata, presso la sede dell’ex Dipartimento di Ecologia e Botanica. Le diverse provenienze e formazioni degli oratori, -botanici, naturalisti, biologi, forestali, selvicoltori, hanno contribuito a presentare, […]

  • Fuori controllo focolaio di tubercolosi bovina in Abruzzo<br/> Orsi marsicani bevono acqua delle vacche in quarantena

    Fuori controllo focolaio di tubercolosi bovina in Abruzzo
    Orsi marsicani bevono acqua delle vacche in quarantena

    E’ del tutto fuori controllo il focolaio di tubercolosi che in Abruzzo ha già ucciso un esemplare del rarissimo orso marsicano e che è stato rilevato nelle vacche al pascolo nel Parco Nazionale d’Abruzzo e nelle zone limitrofe ormai tre anni fa. A denunciarlo in un comunicato l’Associazione per la tutela dell’orso marsicano Salviamo l’Orso, che […]

  • I microbi nel permafrost amplificano cambiamento climatico globale

    I microbi nel permafrost amplificano cambiamento climatico globale

    I microbi del suolo potrebbero essere potenzialmente considerati tra i più grandi amplificatori al mondo del cambiamento climatico causato dall’uomo. Ma per gli scienziati rimane in sospeso un interrogativo: sapere se siano le comunità microbiche a dipendere dall’ambiente o siano piuttosto componenti attivi dell’ambiente che influiscono sul cambiamento del clima. Ora, la ricerca di un […]

  • I grandi carnivori e noi. Intervista a Giorgio Boscagli

    I grandi carnivori e noi. Intervista a Giorgio Boscagli

    I GRANDI CARNIVORI E NOI. INTERVISTA A GIORGIO BOSCAGLI, UNA VITA TRA LUPI E ORSI di Giacomo D’Alessandro* Si parla ormai per il nostro paese di ritorno dei grandi predatori, cosa significa? I grandi Carnivori – lupo, orso, lince – rispetto a 50-60 anni fa stanno sicuramente “riutilizzando” pezzi di territorio dai quali erano stati cacciati, […]

  • Animali in gabbia, CIWF chiede lo stop in Europa

    Animali in gabbia, CIWF chiede lo stop in Europa

    Conigli, scrofe, galline sono solo alcuni degli animali che vengono cresciuti in gabbie per tutta la vita, fino alla macellazione (guarda il video in fondo all’articolo). Animali che quindi non toccano mai la terra, limitati nella maggior parte dei loro movimenti. Oggi l’associazione CIWF chiede che questo “uso obsoleto e anacronistico, che infligge sofferenze inutili […]

  • Un Ottobre movimentato per l’orso bruno marsicano

    Un Ottobre movimentato per l’orso bruno marsicano

    A mezzo di un comunicato stampa, Salviamo l’Orso ha recentemente denunciato un taglio boschivo attualmente in corso nel territorio del comune di Palena (CH), in località Cesa Longa. Non è però la legalità del taglio ad essere contestata dall’associazione abruzzese: l’autorizzazione, riporta Salviamo l’Orso, esiste ed è stata concessa addirittura dal Parco Nazionale della Majella […]

  • Vegetazione del Medio Oriente resistente ai cambiamenti climatici

    Vegetazione del Medio Oriente resistente ai cambiamenti climatici

    Gli ecosistemi del Medio Oriente ospitano un gran numero di specie uniche, incluse quelle da considerare le ‘antenate’ di molte colture utilizzate oggi nel mondo. Eppure, il clima di questa regione è arido in maniera allarmante. Per ogni persona che vive lì, esiste la disponibilità di una piccola quantità d’acqua e per il futuro è […]

  • L’inquinamento dell’aria fa aumentare la portata dei fiumi

    L’inquinamento dell’aria fa aumentare la portata dei fiumi

    Uno studio pubblicato su Nature Geosciences mostra che l’inquinamento atmosferico ha un impatto significativo sulla quantità d’acqua che scorre nei fiumi presenti nell’emisfero settentrionale. Lo studio mostra come tale inquinamento, conosciuto come aerosol, può avere un impatto sull’ambiente e sottolinea l’importanza della considerazione di questo fattore nella valutazione dei cambiamenti climatici futuri. La ricerca è […]

  • Resistere al global warming? Per le piante è una questione genetica

    Resistere al global warming? Per le piante è una questione genetica

    L’ultimo lavoro di Matthew Fitzpatrick, ricercatore presso la University of Maryland, indaga il modo in cui piante ed alberi si preparano ad affrontare la grande sfida del nostro secolo: quella dei cambiamenti climatici. Di fronte all’incedere, apparentemente inarrestabile, di un fenomeno che con sé porta ripercussioni con cui anche l’uomo comincia, seppur lentamente, a fare […]

  • Continua il prosciugamento del Lago d’Aral: perso anche il lobo orientale

    Continua il prosciugamento del Lago d’Aral: perso anche il lobo orientale

    Il lago d’Aral, esteso lago dell’Asia centrale situato alla frontiera tra l’Uzbekistan e il Kazakistan, è un bacino ‘endoreico’, spesso chiamato impropriamente ‘Mare’ di Aral. Impropriamente, perché non ha emissari che lo colleghino direttamente con l’Oceano, ma soltanto due immissari, i fiumi Amu Darya e Syr Darya. Oggi è un bacino in via di estinzione, […]

  • Lo scioglimento dell’Artico non ostacola la Corrente del Golfo

    Lo scioglimento dell’Artico non ostacola la Corrente del Golfo

    La fusione dell’Artico non è la causa principale della diminuzione di salinità nelle acque dei mari del Nord. E’ la Corrente del Golfo, semmai, che ha portato meno sale. Questo è quanto afferma un nuovo studio, pubblicato su Nature Geoscience, con cui viene documentato che il motivo della diminuzione di temperatura dei freddi mari settentrionali, […]

  • Il paesaggio a chi lo do?

    Il paesaggio a chi lo do?

    Le vicende del paesaggio toscano ora che sono finite anche sulla stampa internazionale  stando ad alcune prese di posizione dai cavatori del marmo ai viticoltori indurrebbero a chiedersi perché i costituenti si sono presi la briga di mettere in Costituzione l’art 9 che ci obbliga a tutelare –per legge- il paesaggio. Volevano davvero ‘insegnare’ come […]

  • Piano del Parco in Abruzzo: le Regione in netto ritardo sull’approvazione

    Il Parco Nazionale d’Abruzzo, con un comunicato ha fatto sapere che “la settimana passata, con nota inviata ai Presidenti e agli Assessori delle tre regioni del Parco (Abruzzo, Lazio e Molise), e per conoscenza al Ministero dell’Ambiente, l’Ente ha sollecitato l’adozione del Piano del Parco, inviato il 15 marzo 2011, dopo aver ottenuto il parere […]

  • Mercurio nella nebbia su coste della California proviene dall’oceano

     In California sono stati trovati livelli di mercurio più alti che in precedenza nella nebbia. Ora i ricercatori si domandano quale sia il ciclo che ha portato a questo aumento, che per il momento, non sembra essere dannoso per la salute. Una delle ipotesi suggerisce che il mercurio arrivi dalle profondità degli oceani alle acque superficiali disperdendosi poi in atmosfera. Il mercurio in questione proverrebbe da decine di anni di inquinamento pregresso e accumulatosi nelle profondità dell’oceano

  • 90 anni di educazione ambientale al Parco del Gran Paradiso

    Per i 90 anni del Parco del Gran Paradiso e i 20 anni dell’AIGAE, l’associazione delle guide ambientali, si svolgerà a Ceresole Reale, dall’8 all’11 novembre, nel Parco del Gran Paradiso, un convegno sul futuro dell’educazione ambientale

  • Cento specie in pericolo, ma nessuno le salverà

    Per la prima volta, più di 8.000 scienziati si sono riuniti a Seoul, in Sud Corea, per identificare 100 delle specie più minacciate del pianeta, tra animali, piante e funghi. Ma i ricercatori temono che questi esseri viventi verranno lasciati morire, in quanto nessuna di queste specie fornisce agli umani evidenti o immediati benefici
    Orso marsicano fuori pericolo?
    Le tigri imparano a fare il ‘turno di notte’