Gaianews

Scoperto gene correlato alla felicità nelle donne

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 29.08.2012

Un nuovo studio ha scoperto un gene che sembra rendere felici le donne, ma non funziona per gli uomini. La scoperta può aiutare a spiegare perché le donne si dicono più spesso felici, di quanto non facciano gli uomini secondo i ricercatori.

Gli scienziati della University of South Florida (USF), del National Institutes of Health (NIH), della Columbia University e della New York State Psychiatric Institute hanno riferito che il gene monoamino ossidasi A (MAOA) è associato con una maggiore avvertita sensazione di felicità nelle donne . Nessuna associazione del genere è stata invece trovata negli uomini.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista on line  Neuro-Psychopharmacology & Biological Psychiatry.

“Questo è  primo gene della felicità individuato per le donne”, ha detto l’autore Henian Chen, professore associato presso il Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica, Università USF della sanità pubblica.

“Sono rimasto sorpreso dal risultato: una bassa espressione di MAOA è stata correlata ad alcuni risultati negativi, come l’alcolismo, l’aggressività e i comportamenti antisociali”, ha detto Chen . “E ‘anche chiamato il gene del guerriero da  alcuni scienziati, ma, almeno per le donne, il nostro studio punta a un lato più ‘luminoso’ di questo gene.”

Anche s ele donne sono più sogette a disturbi dellumore e dell’ansia le donne sono più inclini ad autodefinirsi felici. La ragione di questo fenomeno è chiara, ha detto Chen. “Questa nuova scoperta potrebbe aiutarci a spiegare la differenza di genere e di fornire un quadro più chiaro sul legame tra geni specifici e felicità umana.”

Il gene MAOA regola l’attività di un enzima che scompone serotonina, i neurotrasmettitori della dopamina e altre sostanze che  nel cervello  ” ci fanno sentire bene” e che sono usate negli antidepressivi. La bassa espressione del gene MAOA promuove elevati livelli di monoamine, che consentono a grandi quantità di questi neurotrasmettitori di rimanere nel cervello per migliorarne l’umore.

I ricercatori hanno analizzato i dati di un campione basato sulla popolazione di 345 persone – 193 donne e 152 uomini. Il DNA dei soggetti dello studio è stato analizzato nella sua variazione del gene MAOA ed è stata valutata secondo una scala di valutazione apposita, la loro tendenza a definirsi felici.

Dopo aggiustamento per vari fattori, che vanno dalla età, all’educazione e al reddito, i ricercatori hanno scoperto che le donne con una bassa espressione del gen  MAOA erano significativamente più felici di altre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA