Gaianews

Tunisia, tensione dopo tentato suicidio di un anziano 80-enne

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 07.01.2012

C’è tensione in Tunisia dopo che un uomo di 80 anni si è dato fuoco per protestare contro le condizioni economiche e sociali. L’uomo è ricoverato in gravi condizioni dopo essersi immolato in segno di protesta nei pressi di Gafsa, nel sud della Tunisia questa settimana.

L’atto dell’uomo è stato probabilmente un atto di protesta per cercare di attirare l’attenzione sulla drammatica situazione economica del paese nordafricano. C’è molta tensione nel paese all’avvicinarsi dell’anniversario della rivoluzione in Tunisia, che ha dato inizio alla cosiddetta “primavera araba”.

Notizie della stampa locale descrivono l’uomo come un 80-enne che si era unito ad un gruppo di disoccupati che dimostravano e che volevano incontrare i ministri del nuovo governo, che stavano visitando la regione meridionale intorno a Gafsa. Il suo atto di immolazione è avvenuto lo scorso giovedì e ha innescato disordini, scontri con la polizia e lancio di sassi da parte dei giovani.

E’ stato un atto simile a quello che un anno fa (il 14 gennaio del 2011) ha innescato le proteste che hanno portato alla destituzione del presidente Zine el Abidine Ben Alì. Allora un venditore di verdura laureato si uccise dopo essere stato picchiato dalla polizia per aver inscenato una protesta pacifica.

Le condizioni sociali ed economiche, ad un anno dalla rivolta, sono però le stesse: circa un milione di persone in cerca di lavoro, un tasso di  povertà del 20 per cento, 170.000 laureati che chiedono un posto di lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA