Gaianews

Studente tedesco di origini indiane risolve problema di Newton

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 28.05.2012

NewtonShourryya Ray, uno studente di 16 anni, tedesco di origine indiana, ha finalmente risolto un enigma matematico che ha resistito ai secoli e che è stato formulato la prima volta da Isaac Newton oltre tre secoli e mezzo fa.

Grazie alla scoperta, Ray ha vinto un premio di ricerca e viene considerato un ragazzo prodigio, ma lui cerca di minimizzare. In realtà sono due le scoperte di Ray, che riguardano la dinamica di una particella che è soggetta alla gravità e alla resistenza di un mezzo.

Finora la soluzione delle equazioni sembrava impossibile e gli scienziati si accontentavano di un metodo di approssimazione numerica, ottenuta tramite computer con soluzioni parziali. Le soluzioni del sedicenne ora consentiranno calcoli esatti di una traiettoria di un oggetto soggetto alla forza di gravità ed alla resistenza dell’aria ed anche di un corpo che colpisce una barriera e rimbalza.

Ray si è imbattuto per la prima colta col problema quando visitò l’Università Tecnica di Dresdae ricevette insieme ad altri compagni i dati grezzi per calcolare la traiettoria di una sfera.

Poiché Ray non era soddisfatto della soluzione approssimata, si convinse che doveva esserci una soluzione precisa al problema, rifiutandosi di credere che il problema fosse irrisolvibile.

“Mi sono chiesto, ‘Perché non può funzionare?'” ha detto Ray al giornale tedesco Die Welt.

Per anni, Ray ama la “bellezza intrinseca” della matematica. Si è trasferito da Calcutta, in India a Dresda, in Germania quattro anni fa, quando non conosceva nemmeno una parola di tedesco (anche se oggi lo parla perfettamente). Inoltre preparandosi agli esami della scuola secondaria con due anni di anticipo rispetto ai suoi coetanei.

Ray ha un’abilità innata con la matematica. Ha iniziato a risolvere problemi complessi quando aveva appena 6 anni, ma nega di essere un genio, dicendo che vorrebbe essere più bravo a scuola su altre discipline, come lo sport. Non sa ancora se studiare matematica o della fisica all’Università.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
  • SALVATORE ANGIONI scrive:

    COMPLIMENTI. SE NON E’ UN GENIO QUESTO?
    DEL RESTO UNA PERSONA CON QUESTE QUALITA’ RITENGO POSSA FREQUENTARE TUTTE O QUASI LE SCUOLE. AUGURI