Gaianews

Nature su Stamina: alcuni documenti incriminano il metodo

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 08.01.2014

La prestigiosa rivista Nature, con un articolo della giornalista Alison Abbott, è tornata a parlare del caso Stamina in Italia.

Nell’articolo di Nature si legge che la redazione sarebbe in possesso di documenti incriminanti il Metodo Stamina di Davide Vannoni. Inoltre l’articolo dà notizia delle dimissioni di alcuni importanti scienziati italiani da alcuni organismi scientifici dopo il sostegno da parte dello scienziato italiano operante a Miami Camillo Ricordi.

Cellula staminale mesenchimale

Ripercorrendo la storia del metodo la Abbott riporta le parole del primo comitato scientifico che aveva bocciato il metodo. Ricorda inoltre la richiesta insolita da parte di Davide Vannoni, di non diffondere pubblicamente il metodo, che comunque era stato messo a disposizione della commissione solo ad agosto scorso.

Dal giudizio della commissione si evince che nel metodo emergessero una scarsa conoscenza delle cellule staminali, e una mancanza di scientificità, oltre la fatto che non si evinceva in nessun modo un passaggio da cellule staminali mesenchimali a cellule neuronali. Inoltre, come già riportato nella stampa italiana, secondo ciò che era riportato nel protocollo, con le infusioni non sarebbero esclusi contagi da virus.

Una settimana dopo che i commenti del Comitato scientifico erano stati resi noti, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin aveva reso noto che nessuno dei pazienti di Stamina, a giudicare dalle cartelle cliniche, aveva avuto effettivi miglioramenti, così come invece affermato da Vannoni.

Ma una parte importante dell’articolo riguarda le dimissioni di ricercatori di punta in seguito all’appoggio dello scienziato Ricordi. In due gruppi di studio indipendenti sulle cellule staminali guidate da Ricordi due scienziati hanno rassegnato le dimissioni.

“Il 23 dicembre”, scrive Nature, “Carlo Croce, ricercatore sul cancro presso l’Ohio State University di Columbus, si è dimesso dal comitato scientifico di una delle iniziative, la Fondazione Ri.MED, un istituto di medicina rigenerativa – finanziata con fondi pubblici in costruzione a Palermo, Italia. Croce ha chiesto che Ricordi fosse rimosso dalla carica di presidente di Ri.MED. Altri membri della commissione hanno detto a Nature che stanno  valutando le dimissioni dal comitato Ri.MED.”

“E alla fine di dicembre,” si legge ancora nell’articolo  “il biologo cellulare Carlo Redi dell’Università di Pavia, in Italia,  il biologo Giulio Cossu presso l’University College di Londra e Francesca Pasinelli, direttore generale di Telethon si sono dimessi da Cure Alliance, un gruppo dedicato alla  medicina traslazionale che Ricordi aveva lanciato.”

Gli scienziati hanno criticato l’atteggiamento di Ricordi che chiedeva che il Metodo Stamina fosse verificato. 

Ricordi ha dichiarato a Nature che “una macchina del fango è stata orchestrata” contro di lui. “Vannoni” conclude l’articolo “dice che Ricordi è oggettivo e aperto a nuove idee, ma non è “solidale” con lui.”

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA