Gaianews

Neurologia: prima cura con le staminali al San Raffaele

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 27.01.2014

Una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso, la neuromielite ottica è stata trattata per la prima volta con cellule staminali e con successo al San Raffaele di Milano. A due anni dal trapianto la malattia non è infatti ricomparsa.

Neuroni

La neuromielite ottica è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso provocando gravi disabilità. Questo, se fosse confermato, sarebbe il primo trattamento che ha successo contro la patologia.

Il trattamento è consistito in un trapianto di midollo spinale con cellule staminali. E’ stato eseguito per la prima volta al mondo dal team di Giancarlo Comi del dipartimento di Neurologia, insieme con Fabio Ciceri dell’Ematologia.

“La neuromielite ottica o sindrome di Devic – ha spiegato il dottor Comi – è una malattia infiammatoria del sistema nervoso a genesi autoimmune. In passato era considerata una variante della sclerosi multipla particolarmente aggressiva, ma oggi è riconosciuta come una malattia a sé stante. Porta nella maggioranza dei casi a un rapido accumulo di disabilità, e diversi trattamenti che sono stati fatti senza successo”. Dopo il trapianto di midollo, che contiene cellule staminali, “la malattia si è arrestata, i deficit neurologici sono parzialmente regrediti e dopo più di due anni non vi è alcun segno di riattivazione del processo morboso”.

“La costante riduzione delle tossicità del trapianto allogenico di cellule staminali – ha dichiarato il dottor Ciceri – già osservato nelle leucemie, ha aperto la strada per l’impiego di questa strategia anche in malattie non oncologiche come la beta talassemia e le malattie autoimmuni severe, incluse quelle che colpiscono il sistema nervoso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA