Gaianews

Parchi e Aree protette

  • Tornano in scena anche le aree protette marine

    Tornano in scena anche le aree protette marine

    Non è facile seguire le normative ambientali specie in riferimento alle politiche di tutela  e al ruolo delle aree protette. E’ recente ad esempio il varo di una legge di cui si sapeva poco o nulla sulla tutela e valorizzazione della biodiversità in territori agricoli. Fatica invece il cammino di quella sulla tutela del suolo […]

  • Parchi; di cosa si discute e chi ne discute

    Parchi; di cosa si discute e chi ne discute

    Il cosa è confuso e spesso fuorviante. Per alcuni i parchi vanno ridimensionati nel ruolo e quindi anche nella rappresentanza. Resi più accomodanti nella tutela e perciò meglio, ad esempio, senza rappresentanze scientifiche negli enti dove invece si possono inserire rappresentanze di categorie come gli agricoltori o i pescatori. Bene che non si occupino di […]

  • E’ bene decidere anche in Toscana

    E’ bene decidere anche in Toscana

    Ha ragione Enrico Rossi a chiedere sull’ambiente  rapide  decisioni dopo tante discussioni. E lui sulla  Toscana le ha presentate. E’ senz’altro condivisibile il contesto generale in cui si passa dalle energie rinnovabili, ai finanziamenti contro gli eventi alluvionali, alla erosione marina. Sono gli obiettivi del piano  Ambientale ed Energetico toscano. Si punta alla tutela dei […]

  • L’ambiente dopo Parigi

    L’ambiente dopo Parigi

    Comunque si concluda l’incontro di Parigi sulla condizione ambientale di tutti i paesi del mondo nessuno potrà più fare l’eco-scettico come in altri tempi. Ognuno dovrà misurarsi con la situazione planetaria  ma anche e non di meno con la propria realtà con eguale realismo e senza furbizie. E per poterlo fare bene anche se non […]

  • Quale ruolo per i parchi?

    Quale ruolo per i parchi?

    Dopo le sortite e le proposte più strambe e confuse che hanno contribuito solo a pasticciare ancor più le cose si registrano alcune significative novità nella discussione sul ruolo dei parchi e delle altre aree protette. Non sul piano nazionale o almeno del governo e del ministro  che continuano a brillare per la loro latitanza. […]

  • Qualcosa si muove per i parchi

    Qualcosa si muove per i parchi

    Dopo le denunce che continuano sullo sbando dei parchi, e non solo di quelli nazionali, viene spontaneo dire che era ora. Ma è vero? È vero insomma che ci sono novità che vanno oltre le sacrosante denunce della crisi? Sì, forse qualche segnale ancora timido si avverte. In parlamento, dopo i pasticci del senato sulla […]

  • L’ambiente resta in area grigia

    L’ambiente resta in area grigia

    Dal punto di vista politico-istituzionale i temi ambientali restano nonostante l’EXPO, l’Enciclica papale, i vari appuntamenti europei e internazionali in una area grigia e per troppi versi confusa e contraddittoria. Si prendano i dati sulla greeneconomy forniti dalla relazione di Symbola e Unioncamere; sono ottimi  incoraggianti. Nel frattempo però abbiamo all’opera anche in aree marine […]

  • Gli omissis sulla Toscana costiera

    Gli omissis sulla Toscana costiera

    Su Il Tirreno i consiglieri regionali del Pd Francesco Gazzetti e Gianni Anselmi invitano ad uno sforzo esemplare per la Toscana costiera. Lo sforzo dovrebbe riguardare in particolare la situazione economico-sociale assai grave sotto il profilo dell’occupazione, della formazione  come delle infrastrutture. Le cronache quotidiane dalla Lucchini a Livorno a Massa Carrara sono lì a […]

  • I parchi in attesa di un ministro che se li ricordi

    I parchi in attesa di un ministro che se li ricordi

    Le associazioni ambientaliste più importanti d’Italia dal WWF al CAI, da Legambiente al Fai,  da Italia Nostra a Pro Natura hanno scritto al ministro all’ambiente Galletti ricordandogli la situazione insostenibile – da anni e non da mesi – dei nostri parchi nazionali. Vari senza presidente e con commissari invecchiati e anche recentemente prorogati, senza direttore […]

  • La programmazione ambientale in Toscana

    La programmazione ambientale in Toscana

    Già in campagna elettorale specie dopo l’approvazione del piano paesaggistico e la legge  sui parchi un aspetto risultò chiaro; il dopo voto avrebbe richiesto da parte della regione un forte rilancio delle politiche di programmazione sul territorio. Un rilancio che implicava una precisa messa a punto di posizioni che nel dibattito avevano registrato anche all’interno […]

  • Federalismo differenziato?

    Federalismo differenziato?

    Che la riforma del senato abbia abbandonato qualsiasi disegno federalista dopo i lontani e falliti tentativi del 2001 è giudizio pressochè unanime non solo degli esperti costituzionalisti. Le regioni insomma hanno fallito la prova e quindi lo stato riprende a tutti gli effetti la sua supremazia istituzionale e costituzionale. Il che significa come ha detto […]

  • Le regioni dopo la riforma del senato

    Le regioni dopo la riforma del senato

    All’inizio di questa travagliata  vicenda politico-legislativa da più parti si parlò di Camera delle regioni per ricordare ipotesi federaliste già clamorosamente naufragate che si sarebbero potute resuscitare. Fu presto chiaro però che la piega sarebbe stata semmai di segno opposto come il voto finale ha confermato. Il ministro Boschi su l’Unità ha parlato infatti di […]

  • Problemi e prospettive dei parchi toscani

    Problemi e prospettive dei parchi toscani

    Data  la situazione  generale dei  parchi in Italia è bene che anche la nostra regione riprenda una riflessione e soprattutto una concreta iniziativa per dare  seguito anche alla recente approvazione della nuova legge regionale sulle aree protette. Tanto più opportuna perché con la nuova legge  è stata approvata anche quella sul paesaggio che da tempo […]

  • 40 anni di chiacchiere?

    40 anni di chiacchiere?

    Il direttore dell’Unità, commentando i nuovi disastri idrogeologici, ha detto che finalmente, dopo 40 anni di chiacchiere, anche noi stiamo partendo con un piano nazionale di interventi. Non c’è questione ormai istituzionale e programmatica nel nostro paese, stando almeno a certe presentazioni, che non torni sulla scena dopo molti decenni di chiacchiere fino a settanta […]

  • Stato Regioni e ambiente

    Stato Regioni e ambiente

    Nel seminario del Gruppo di San Rossore a Pisa con Paolo Maddalena abbiamo fatto le lastre al nuovo titolo V. Ce n’era bisogno, specie dopo i troppi silenzi e non soltanto delle regioni. Il punto chiave irrisolto, infatti, che avrà comunque effetti pesanti sul funzionamento delle nostre istituzioni e soprattutto nel governo del territorio, è […]

  • Cresce l’impegno sull’ambiente ma  ancora non basta

    Cresce l’impegno sull’ambiente ma  ancora non basta

    L’avvicinarsi del voto sulla riforma del senato e sul nuovo titolo V ha indotto –anzi costretto- le istituzioni e la politica ad occuparsi meno distrattamente anche  dell’ambiente. Sebbene pochi sembrano ricordarlo il famigerato titolo V su cui tutti oggi convengono che ha fallito doveva in particolare -anche se non esclusivamente- assicurare finalmente una gestione ‘cooperativa’ […]

  • I rapporti stato regioni

    I rapporti stato regioni

    Luciano Violante su l’Unità è tra i pochissimi che parlando della riforma costituzionale ha accennato  ai rapporti tra Stato e Regioni. Rapporti ‘che continuano ad essere confusi. L’abolizione della competenza concorrente ha portato ad una sorta di ritagli di identiche materie, chiamate con nomi diversi. E’ previsto, ad esempio, che le Regioni si occupino di ‘pianificazione […]

  • La Velo sulla sostenibilità

    La Velo sulla sostenibilità

    In un intervento sul l’Unità l’on. Silvia Velo sottosegretario all’ambiente affronta il tema della sostenibilità come sfida per il futuro. L’attenzione è rivolta principalmente alle nuove energie volte anche ad un minor consumo del territorio. Mi ha colpito però il suo silenzio specie dopo l’approvazione della Carta di Livorno nel corso di un incontro europeo […]

  • L’ambiente sbarca alla Festa dell’Unità

    L’ambiente sbarca alla Festa dell’Unità

    Dopo i troppi silenzi e anche talune pessime sortite anche in parlamento –vedi i parchi- il Pd a Milano ne discute in un incontro nazionale. Si parlerà di progetti per una nuova qualità della vita e di fauna selvatica proprietà comune. Insomma ambientalista, agricolo e venatorio tre mondi riuniti intorno a un tavolo. E’ innegabile […]

  • Chi gestisce l’assetto idrogeologico?

    Chi gestisce l’assetto idrogeologico?

    In un incontro all’EXPO il ministro dell’Ambiente Galletti ha detto che dopo 40 anni di ritardo il governo ha messo a punto una serie di interventi contro il dissesto idrogeologico in 14 aree metropolitane. Non ho trovato cenni alla legge 183 cioè ad una buona legge che ha meno di 40 anni e che prevedeva […]