Gaianews

Spazio

  • Pianeta costituito da circa il 30% di diamante scoperto a 40 anni luce da noi

    Pianeta costituito da circa il 30% di diamante scoperto a 40 anni luce da noi

    Il sito Forbes.com ha anche provato a calcolarne il valore, che ovviamente è un numero seguito da una trentina di zeri: è il pianeta di diamante, che dista dalla Terra ‘appena’ 40 anni luce e che è costituito da almeno il 30% di carbonio cristallizato, appunto sotto forma di diamante

  • Curiosity pronto a studiare il suolo marziano in cerca di vita

    Curiosity pronto a studiare il suolo marziano in cerca di vita

    Curiosity torna a far parlare di sé. La Nasa ha infatti appena annunciato che che il rover marziano si trova nel punto giusto per iniziare a collezionare ed analizzare campioni di suolo marziano all’interno del suo laboratorio mobile in cerca della vita. L’analisi chimico-fisica dei campioni di suolo marziano è il fulcro della missione di due anni di Curiosity

  • Ecco la più accurata misura della velocità di espansione dell’Universo di sempre

    Ecco la più accurata misura della velocità di espansione dell’Universo di sempre

    Negli anni ’20, per la prima volta l’astronomo americano Edwin P. Hubble scoprì che il nostro Universo non è statico. Al contrario, Hubble trovò che lo spazio si stava espandendo da quando iniziò con un Big Bang 13,7 miliardi anni fa. Poi, negli anni ’90, gli astronomi scioccarono di nuovo il mondo rivelando che questa espansione sta in realtà accelerando

  • ESA vuole eliminare la spazzatura spaziale

    ESA vuole eliminare la spazzatura spaziale

    Secondo l’ESA occorre un piano per ripulire lo spazio dai detriti spaziali e dall’inquinamento. Dalle reti per catturare rottami di vecchi satelliti a veri e propri ”rimorchiatori” che aggancino i rifiuti spaziali più ingombranti per farli rientrare nell’atmosfera terrestre in modo che si distruggano. Son queste le nuove idee dell’Ente Spaziale Europeo per ripulire l’orbita terrestre bessa da decenni di corsa allo spazio senza criterio

  • Scoperto un ‘mare’ di idrogeno sull’asteroide gigante Vesta

    Scoperto un ‘mare’ di idrogeno sull’asteroide gigante Vesta

    Il veicolo spaziale Dawn della NASA ha rivelato sull’asteroide gigante Vesta la presenza di materiali volatili tutt’attorno al suo equatore, ma concentrati maggiormente nei pressi di un enorme bacino, quello che resta di un antico cratere di impatto. Secondo i ricercatori il materiale identificato potrebbe contenere idrati, minerali formatisi alla presenza di acqua

  • Marte, Curiosity è pronto a ‘sparare’ su una roccia marziana

    Marte, Curiosity è pronto a ‘sparare’ su una roccia marziana

    Il rover della NASA Curiosity si è spostato fino a raggiungere una roccia da studiare, delle dimensioni di un pallone da calcio, che sarà pa prima vera prova per il braccio robotico del rover marziano. Curiosity si trova a circa 2,5 metri dalla roccia e ha percorso circa metà della strada che separa il luogo di atterraggio dalla sua destinazione, che si chiama Glenelg

  • Alla ricerca di nuove forme di vita: modelli di abitabilità in esopianeti eccentrici

    Alla ricerca di nuove forme di vita: modelli di abitabilità in esopianeti eccentrici

    Mentre continua la caccia a un pianeta con caratteristiche simili alla Terra – il cosiddetto “punto blu” (blue dot) – una nuova ricerca rivela che la vita potrebbe essere in grado di sopravvivere su alcuni dei tanti esopianeti “eccentrici” che conosciamo. Cosa si intende con “pianeta abitabile”? Cos’è un’orbita eccentrica?
    I pianeti potenzialmente abitati potrebbero essere molti di più di quelli stimati finora

  • Osservata esplosione nell’atmosfera di Giove

    Gli astronomi e astrofili di tutto il mondo hanno potuto osservare nell’atmosfera di Giove una palla di fuoco. Il fenomeno è stato probabilmente causato dall’impatto di un asteroide o di una cometa con il pianeta. L’esplosione è durata circa due secondi ed è stata visibile come una sorta di lampo bianco. L’oggetto che ha impattato […]

  • Curiosity, test del braccio robotico dopo una ‘passeggiata marziana’ di 109 metri

    Curiosity, test del braccio robotico dopo una ‘passeggiata marziana’ di 109 metri

    PASADENA, California – Dopo aver percorso una distanza pari a circa un campo da calcio e ormai lontano dal luogo dello sbarco, il rover tuttofare della NASA Curiosity si è preso una pausa di riflessione e passerà alcuni giorni a prepararsi per l’uso completo degli strumenti presenti sul suo braccio robotico. Curiosity ha esteso il […]

  • WFI scopre la stella che non invecchia

    WFI scopre la stella che non invecchia

    Il WFI (Wide Field Imager) ha trovato la prova di un stella che ha il segreto dell’eterna giovinezza. LA stella si trova nell’ammasso globulare Messier 4. Quest’ammasso è uno dei più antichi, più vicini e più studiati. Nell’ultima immagine presa dal WFI insieme con altre prese dal VLC, gli scienziati hanno scoperto una stella che […]

  • L’eredità astronomica. L’UNESCO sul web per i siti astronomici

    L’Unesco ha lanciato nei giorni scorsi un’iniziativa sul web di grande pregio: si tratta del Portale dell’Eredità Astronomica. L’eredità astronomica è legata ai siti antichi e moderni che hanno unito l’uomo al cielo, attraverso l’osservazione. Ognuno di questi luoghi è testimonianza di una cultura, è legato a dei precisi momenti storici, a dei personaggi ed […]

  • Trovate molecole di zucchero vicino ad una giovane stella

    La realtà attorno a noi non finisce di stupirci mai. E’ di un team di astronomi che utilizza l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) la scoperta che ha individuato molecole di zucchero nel gas che circonda una giovane stella simile al Sole. La scoperta, prima nel suo genere, dimostra che i mattoni della vita sono nel […]

  • E’ morto Neil Armstrong, il primo uomo sulla Luna

    Il 25 agosto 2012, Armstrong è morto a Cincinnati, Ohio, all’età di 82 anni, a causa di complicazioni dovute al cattivo funzionamento delle sue arterie coronarie. E’ morto l’uomo che aveva pronunciato la fatidica frase “E’ un piccolo passo per l’Uomo, ma un grande passo per l’umanità” prima di mettere – primo essere umano nella […]

  • Prima prova di un pianeta divorato dalla sua stella

    La prima prova della distruzione di un pianeta da parte della sua stella è stata scoperta da un team internazionale di astronomi. Diverse evidenze indicano che un pianeta ‘mancante’, che è stato presumibilmente divorato mano a mano che la stella ha iniziato ad espandersi per formare una “gigante rossa” – l’equivalente stellare della terza età […]

  • Lo scudo termico di Curiosity incontra Marte, video

    Continuano ad arrivarci i dettagli dello spettacolare  atterraggio di Curiosity su Marte. Questa volta la NASA ha reso pubbliche le immagini registrate da una videocamera posizionata sulla capsula che accompagnato il rover all’atterraggio su Marte e che si trovava a 3 kilometri dal suolo quando ha girato la sequenza.  La telecamera si chiama Mars Descent […]

  • Mentre Curiosity si aggiorna Obama telefona al JPL

    Il presidente Barack Obama ha telefonato ieri pomeriggio (ora italiana) al team della missione Curiosity del Jet propulsion Laboratory in California  e ha detto ai membri del team: “Ci avete resi orgogliosi”. “Quello che avete realizzato incarna lo spirito americano”, ha detto il presidente. “La nostra aspettativa è che Curiosity ci dirà cose che prima […]

  • Curiosity manda paesaggio a 360 gradi da Marte

    Il team di ricercatori che si occupa dell’ormai famoso rover marziano Curiosity ha tenuto una conferenza stampa oggi presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) di Pasadena, in California. Ieri si era discusso in particolare delle nuove immagini di Marte, tra cui una vista panoramica a 360 gradi presa dalla fotocamera centrale del rover. Il team […]

  • Russia, sospesi lanci Proton-M dopo nuovo fallimento. Persi due satelliti

    Un razzo senza equipaggio russo non è riuscito a portare in orbita due satelliti per le telecomunicazioni a causa di problemi sorti dopo il lancio dal cosmodromo di Baikonur in Kazakhstan ieri. I due satelliti andranno ad aggiungersi ai rifiuti spaziali in orbita attorno alla Terra, ma per ora sembra che non minaccino la Stazione […]

  • Voyager 1 ai confini del sistema solare

    Sembra che la storica sonda Voyager 1 abbia raggiunto i confini del sistema solare. I livelli di raggi cosmici ad alta energia provenienti dall’esterno del nostro sistema solare e dei livelli di  di particelle a bassa energia provenienti dall’interno di dentro hanno subito cambiamenti a un tasso più veloce che in qualsiasi altro periodo negli […]