Gaianews

Allo studio nuovo vaccino contro l’hiv: alla base c’è il latte di mucca

La soluzione per un vaccino contro l'hiv arriva dall'Università di Melbourne: si tratta di una crema a base di latte di mucca "vaccinata" contro l'hiv

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 22.10.2012

La proposta per un nuovo vaccino contro l’hiv arriva dall’Università di Melbourne e può sembrare decisamente avveneristica. Si tratterebbe di un gel o una crema a base di latte di mucca “vaccinata” contro l’hiv. Se la scoperta si dovesse rivelare valida, il latte di vacca che fungerebbe da vaccino contro l’hiv, sarebbe un rimedio più semplice da produrre e decisamente meno costoso degli attuali farmaci chimici.

Mucca

Una nuova ricerca dell’Università di Melbourne potrebbe essere la chiave per lo sviluppo di una speciale crema in grado di prevenire l’infezione da HIV. E l’ingrediente segreto è il latte di mucca.
Le mucche non possono contrarre l’HIV – il virus dell’immunodeficienza umana che causa l’AIDS. Ma, come gli esseri umani infettati con il comune raffreddore, il loro sistema immunitario può sviluppare anticorpi contro il virus. Usando questa conoscenza, il dottor Marit Kramski ed i suoi colleghi del Dipartimento di Microbiologia e Immunologia, insieme con la società australiana di biotecnologie Immuron, hanno messo a punto il latte vaccino che contiene gli anticorpi che proteggono le cellule umane dall’ HIV.

La squadra ha  vaccinato le vacche gravide con una proteina dell’HIV e hanno quindi studiato il primo latte prodotto dalle vacche dopo il parto. Il primo latte, chiamato colustrum, è la scelta ideale in quanto è naturalmente ricco di anticorpi per proteggere il vitello dalle infezioni. I ricercatori hanno scoperto che le mucche producono una sorta di latte “vaccinato” contenente anticorpi anti-HIV.

Esperimenti di laboratorio dimostrano che gli anticorpi si legano all’ HIV e impediscono al virus di entrare e infettare le cellule umane. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Antimicrobial Agents and Chemotherapy.

La produzione di anticorpi anti-HIV nel latte di vacca per inibire l’HIV è più economico e più facile degli  attuali farmaci a base di rimedi chimici. Una singola mucca infatti pul produrre fino ad un kg di anticorpi.
Il dottor Kramski spera di formulare una crema o gel a prezzi accessibili che possano essere utilizzati per prevenire la trasmissione sessuale dell’HIV.

© RIPRODUZIONE RISERVATA