Gaianews

Approvato al Senato testo per la donazione fra i viventi

E' stato approvato dall'assemblea del Senato all'unanimità il disegno di legge che consente il trapianto parziale tra persone viventi.

Scritto da Redazione di Gaianews.it il 13.09.2012

E’ stato approvato dall’assemblea del Senato all’unanimità il disegno di legge che consente il trapianto parziale tra persone viventi.

Il testo consente quindi di effettuare interventi chirurgici più complessi, ma aprendo nuove possibilità per la sopravvivenza, soprattutto dei bambini.

Il direttore del centro nazionale dei trapianti Alessandro Nanni Costa l’ha definito “Un passo avanti per i trapianti da vivente. La possibilità di trapianti parziali da vivente a titolo gratuito di polmone, intestino e pancreas riguarderà pochi e selezionati casi e soprattutto a favore dei bambini”.

Gli interventi avverrano solo in centri specializzati, ma prima sarà necessario che il Consiglio Superiore per la Sanità approvi un apposito regolamento.

Ospedale

Fiorenza Bassoli, capogruppo Pd in commissione Sanità del Senato ha così commentato: “Siamo molto soddisfatti per l’approvazione di questa legge a cui il Partito democratico ha dato un importante contributo per l’ampliamento della possibilità di trapianto parziale tra viventi, prima limitato solo al polmone, e ora esteso anche al pancreas e all’intestino”.
 
La situazione dei trapianti nel nostro paese, secondo la senatrice, pur essendo abbastanza soddisfacente soffre di alcune carenze, molte delle quali maggiormente evidenti al sud con un conseguente minor numero di trapianti effettuati.

Un altro aspetto importante secondo la Bassoli è che il donatore del trapianto tra viventi venga adeguatamente sostenuto e supportato psicologicamente.

La senatrice di Api Emanuela Baio ha così commentato: ”L’approvazione di oggi all’unanimita’ della norma che consentira’ il trapianto parziale di polmone, pancreas e intestino tra persone viventi, e’ una delle conquiste che ci rende orgogliosi di stare in Parlamento”.

”E’ un passo avanti importante che prevede sicuramente interventi chirurgici piu’ complessi, ma che consentira’ a moltissime persone di cambiare la loro vita in meglio. Il testo approvato oggi inoltre, colma finalmente il divario esistente tra legge e progresso scientifico e pone il nostro Paese all’avanguardia nel panorama europeo ed internazionale”.

Fonti: Avvenire, AGI, ASCA, QuotidianoSanità

© RIPRODUZIONE RISERVATA