Gaianews

Meerkat scopre 1300 nuove galassie

Scritto da Silvia Buda il 29.07.2016

Il radiotelescopio sudafricano Meerkat è riuscito a scoprire circa 1300 nuove galassie in una piccola porzione di Universo in cui finora se ne trovavano soltanto una settantina. Grazie alle sue antenne, di cui al momento ne funzionano solo 16 delle 64 previste (il cui funzionamento totale è previsto per il 2017), Meerkat è stato in grado di scoprire galassie e buchi neri fino ad oggi sconosciuti.

Si prevede infatti che nel 2017, MeerKAT, facente parte di un progetto SKA lo Square Kilometer Array diverrà il più grande radiotelescopio dell’emisfero Sud. Lo Ska è un progetto multinazionale per la costruzione del radiotelescopio più sensibile al mondo, con un’apertura totale di un chilometro quadrato (un milione di metri quadrati) e un’estensione di 3000 km, distribuito tra Sudafrica e Australia.

L’Organizzazione SKA, con sede a Jodrell Bank Observatory, vicino a Manchester, Regno Unito, è stato istituita nel dicembre 2011 come una società senza fini di lucro, al fine di formalizzare le relazioni tra i partner internazionali e di centralizzare la leadership del progetto. Undici paesi sono attualmente membri dell’Organizzazione SKA – Australia, Canada, Cina, Germania, India (membro associato), Italia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Svezia, Paesi Bassi e Regno Unito.

La scala del SKA rappresenta un enorme balzo in avanti sia nella progettazione che nella ricerca e nello sviluppo verso la costruzione e la fornitura di un radiotelescopio, che porterà al miglioramento scientifico. La distribuzione di migliaia di radiotelescopi, in tre configurazioni uniche, permetterà agli astronomi di monitorare il cielo in dettaglio senza precedenti ed esaminare l’intero cielo migliaia di volte più velocemente di qualsiasi sistema attualmente in essere.

Migliaia di antenne paraboliche SKA saranno costruite in Sud Africa (nel Karoo, non lontano dalla piccola città chiamata Carnarvon), con outstations in altre parti del Sud Africa, così come in otto paesi partner africani, in particolare il Botswana, Ghana, Kenya, Madagascar, Mauritius, Mozambico, Namibia e Zambia. Un’altra parte del telescopio sarà costruito in Australia occidentale.

Il telescopio SKA avrà una portata senza precedenti osservazioni, superando la qualità risoluzione delle immagini del telescopio spaziale Hubble di un fattore di 50 volte, e che avrà anche la capacità di enormi immagini di aree del cielo. Con una gamma di altri grandi telescopi che verranno costruiti nei prossimi anni e che saranno lanciati nello spazio nel corso dei prossimi decenni, la SKA sarà perfettamente in grado aumentare, integrare e aprire la strada a scoperte scientifiche.

Tag:
© RIPRODUZIONE RISERVATA