Gaianews

Alimentazione

  • Si estende lo scandalo della carne di cavallo in prodotti surgelati

    Si estende lo scandalo della carne di cavallo in prodotti surgelati

    E’ in corso in tutta Europa il sequestro partite di lasagne della marca Findus in cui è stata provata la presenza di carne di cavallo al posto di quella bovina. In particolare nel Regno Unito, funzionari per la sicurezza alimentare hanno ordinato test su tutti i prodotti di origine bovina in seguito della scoperta di carne equina nelle lasagne. Solo poche settimane fa erano state trovate, sempre in Inghilterra, tracce di DNA di maiale e di cavallo negli hamburger dichiarati di carne bovina

  • Frutta e verdura e niente zucchero, la cellulite va via in 40 giorni

    Frutta e verdura e niente zucchero, la cellulite va via in 40 giorni

    Frutta e verdura fanno bene, si sa, ma mantenersi in salute può diventare anche l’occasione per sbarazzarsi della cellulite. E’ quanto promesso dai medici che hanno partecipato al convegno romano “La salute nel piatto”

  • Proposta nuova formula dell’indice di massa corporea (BMI)

    Proposta nuova formula dell’indice di massa corporea (BMI)

    Un matematico inglese ha proposto una nuova formula dell’indice di massa corporea (BMI), cjhe secondo l’autore dovrebbe prendere meglio in considerazione i casi estremi della popolazione, come le persone molto alte o molto basse. Ma la nuova formula può davvero risolvere i problemi stranoti del BMI?

  • Influenza aviaria, allarme Fao: potrebbe tornare

    Influenza aviaria, allarme Fao: potrebbe tornare

    La FAO, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha avvertito che il mondo è a rischio di una nuova ondata della disastrosa epidemia di influenza aviaria avvenuta sei anni fa, che costrinse all’abbattimento di milioni di animali, a meno che i paesi non rafforzino le misure globali per la prevenzione e il monitoraggio di questa come di altre pericolose malattie che giungono dagli animali, specialmente quelli di allevamento

  • Dieta mediterranea riduce infiammazione in 6 settimane

    Dieta mediterranea riduce infiammazione in 6 settimane

    Le persone sane possono ridurre il rischio di sviluppare una malattia cronica come il morbo di Alzheimer, modificando semplicemente la loro dieta. Due buone notizie: bastano sei settimane per ottenere risultati e la dieta a cui aderire è quella mediterranea

  • Ricerca: patatine fritte non fanno male se fritte in olio extravergine di oliva

    Ricerca: patatine fritte non fanno male se fritte in olio extravergine di oliva

    Le patatine fritte potrebbero non essere così deleterie per la salute, soprattutto se l’olio è quello giusto. Una ricerca dell’Università di Napoli dice infatti che le patatine, se fritte nell’olio extra vergine di oliva, non fanno male, o almeno non troppo

  • Tagliare lo zucchero per ridurre l’obesità

    Tagliare lo zucchero per ridurre l’obesità

    Tagliare lo zucchero aiuta a ridurre il peso e potrebbe essere un’indicazione efficace per ridurre l’epidemia di obesità

  • Commissione europea chiede parere online su prodotti biologici (ma dimentica l’italiano)

    Commissione europea chiede parere online su prodotti biologici (ma dimentica l’italiano)

    La Commissione europea ha avviato da pochi giorni una consultazione pubblica sul futuro della produzione biologica, e chiede il parere ai cittadini europei. La consultazione è on line e rivolta a tutti i cittadini interessati alla produzione biologica in Europa

  • Frutti di bosco salvano il cuore delle donne

    Frutti di bosco salvano il cuore delle donne

    Più che una mela al giorno, per le donne sono i frutti di bosco tre volte alla settimana a togliere il proverbiale medico di torno, in questo caso un cardiologo. E’ quanto ha stabilito un largo studio su quasi 94mila donne giovani e di mezza età, che per 18 anni sono state monitorate. La ricerca rivela che chi mangiava tre o più porzioni di mirtilli e fragole a settimana aveva un rischio 32 per cento più basso di attacco di cuore

  • Infiammazione: la dieta può avere effetti dopo sei settimane

    Infiammazione: la dieta può avere effetti dopo sei settimane

    Una ricerca dell’ Università di Aukland si sta interrogando sulla relazione fra un certo tipo di dieta e l’infiammazione nel corpo e sui tempi con i quali l’alimentazione provoca degli effetti sulla nostra salute.  Lynnette Ferguson, docente di Nutrizione presso l’Università di Auckland, ha dimostrato che un cambiamento nella dieta può essere efficace nel ridurre l’infiammazione in un periodo di appena sei settimane

  • Fragole e mirtilli proteggono le donne contro gli attacchi di cuore

    Fragole e mirtilli proteggono le donne contro gli attacchi di cuore

    Le donne che mangiano tre porzioni a settimana di fragole e mirtilli hanno un rischio minore di avere un attacco di cuore secondo una ricerca condotta dalla Harvard School of Public Health di Boston e pubblicato sulla rivista Circulation: Journal of the American Heart Association

  • Bevande gassate e dietetiche aumentano rischio di depressione

    Bevande gassate e dietetiche aumentano rischio di depressione

    Il consumo di bevande zuccherate porterebbe ad un aumento della depressione, soprattutto se si tratta di bevande dietetiche. Lo suggerisce una nuova ricerca suggerisce che negli adulti ha trovato la singolare associazione. A svolgere un’azione contraria sarebbe invece il, caffè, un fattore protettivo

  • Il consumo di bevande zuccherate favorisce l’insorgenza della depressione

    Il consumo di bevande zuccherate favorisce l’insorgenza della depressione

    Una nuova ricerca suggerisce che negli adulti il consumo di bevande zuccherate, in particolare dietetiche, aumenterebbe rischio di sviluppare depressione; mentre il consumo di caffè sarebbe un fattore protettivo. “Le bevande zuccherate, il caffè e il tè – comunemente consumati in tutto il mondo – hanno importanti conseguenze sulla salute fisica e mentale”, sostiene il primo autore della ricerca, Honglei Chen

  • Dieta, quattro consigli per facerla

    Dieta, quattro consigli per facerla

    Probabilmente molti di noi saranno a dieta in questo periodo per recuperare la forma perduta durante le feste natalizie. Secondo una ricerca condotta dalla dottoressa Jessica Bartfield del Loyola Center for Metabolic Surgery & Bariatric Care, però,  solo una persona su cinque riesce a portare a termine una dieta con successo

  • Avere qualche chilo di troppo può giovare alla salute

    Avere qualche chilo di troppo può giovare alla salute

    Avere un leggero sovrappeso potrebbe non essere poi così male. Uno studio pubblicato recentemente ha spiegato infatti che essere in leggero sovrappeso riduce del 6% il rischio di decesso prematuro, percentuale che scende al 5% se affetti da obesità

  • Masticare più a lungo il segreto per dimagrire

    Masticare più a lungo il segreto per dimagrire

    Per dimagrire basterebbe masticare il cibo più a lungo. E’ quanto concluso da un recente studio inglese su un piccolo numero di volontari. Non più quindi diete miracolose, ma semplicemente masticare il cibo più a lungo potrebbe portare un beneficio in termini di peso riducendo i piccoli spuntini tra un pasto e l’altro

  • Asparagi proteggono il fegato dagli eccessi alimentari e dall’alcol

    Asparagi proteggono il fegato dagli eccessi alimentari e dall’alcol

    Se le festività natalizie hanno fatto abusare di cibi superflui e soprattutto di qualche bicchiere di troppo, è possibile rimediare mangiando asparagi, secondo alcuni ricercatori coreani, che sono convinti che una sostanza contenuta nella verdura può proteggere le cellule del fegato dagli effetti della sbornia

  • Spuntini dei bambini: ecco come prepararli

    Spuntini dei bambini: ecco come prepararli

    Quasi tutti sono a conoscenza, della preoccupante tendenza dell’obesità infantile. Il 32% dei bambini americani sono sovrappeso o obesi secondo il National Health and Nutrition Examination Survey. Uno dei fattori che portano a questo problema sono gli spuntini. I bambini di oggi mangiano circa tre spuntini al giorno, mentre trent’anni fa se ne faceva uno solo

  • Bevande senza zucchero fanno ingrassare?

    Bevande senza zucchero fanno ingrassare?

    Le bevande gassate senza zucchero fanno male alla salute, secondo l’Università del Texas, che accusa le bibite di essere dannose per il metabolismo in quanto altererebbero il metabolismo e, nel lungo termine, farebbero ingrassare. Inoltre le bevanze edulcorate artificialmente potrebbero essere dannose anche per denti, reni e ossa

  • Bibite: anche senza calorie fanno ingrassare

    Bibite: anche senza calorie fanno ingrassare

    Dall’Università del Texas, da tempo in lotta contro la diffusione delle bevanze edulcorate artificialmente, arriva una nuova ricerca che suggerisce come le bevande ‘diet’ portino in realtà all’effetto contrario sul lungo periodo, ossia a prendere peso